Luglio, brusco calo delle temperature ma solo per pochi giorni. Ancora altalena climatica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se giugno in Italia è stato rovente in gran parte d'Italia, luglio si preannuncia più fresco e piovoso almeno a breve termine

Come conservare al meglio le fragole

Se giugno in Italia è stato rovente in gran parte d’Italia, luglio si preannuncia più fresco e piovoso almeno a breve termine. Dopo aver fatto i conti con un potente anticiclone africano, adesso sperimenteremo anche grandinate e temperature a volte anche più basse delle medie del periodo.

Continua ancora l’altalena climatica a cui purtroppo ci stiamo abituando. Nei giorni scorsi abbiamo letteralmente boccheggiato, soprattutto nelle regioni del centrosud e nelle parti più interne, dove le colonnine di mercurio hanno superato spesso i 40°. Il grande caldo però sembra essersi momentaneamente attenuato grazie all’arrivo di leggeri venti settentrionali.

Ma cosa ci aspetta per i prossimi giorni? Anche se è presto per sapere con certezza come sarà il tempo durante tutto il mese di luglio, i meteorologi hanno già fatto alcune previsioni a breve termine.

Le proiezioni e i modelli nei prossimi 15 giorni, ovvero nel range ove l’affidabilità dei medesimi è buona, lasciano intravedere un luglio-2021 con partenza un po’ altalenante, senza forni di alta-pressione. Infatti, tra il 2 e i 6 luglio sull’Italia prevarranno miti e temporalesche correnti atlantiche che faranno crollare le temperature di 4-5 gradi specie tra il 4 e il 6 luglio quando le temperature massime potrebbero scendere sotto 31 gradi su quasi tutta l’Italia (all’incirca sui valori tipici del periodo), spiega Giuliacci.

Nessun luglio da record, dunque. Non supereremo (almeno secondo le attuali previsioni) i livelli di caldo raggiunti nel 2019, il terzo mese di luglio più caldo degli anni’2000.

Ma il freschetto non durerà per sempre. In fin dei conti siamo sempre in piena estate, e se di altalena si parla è così che sarà. Il maltempo investirà soprattutto le regioni del nord e l’arco alpino, dove pioggia e grandine arriveranno già tra sabato e domenica 4 luglio. Altrove il tempo sarà soleggiato o con nubi sparse. Da metà della prossima settimana, tra i 7 e il 10 luglio, tornerà di nuovo una

 moderata ondata di caldo africano al Centronord. Massime non oltre 35-36 gradi nelle zone interne; ricordiamo che il luglio 2015 (che trattammo all’epoca) è stato di gran lunga il mese più caldo della storia. E quest’anno non lo supereremo, prosegue Giuliacci.

Fonti di riferimento: Meteo Giuliacci, Meteo Giuliacci, Servizio Meteo Aeronautica Militare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook