Lo sciopero della fame degli attivisti italiani per il clima e l’incontro (andato male) con Cingolani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Roma: l'attivista Laura Zorzini incontra con altri giovani il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani

Ecco il carrello smart per la spesa

A Roma ieri il ministro Roberto Cingolani ha incontrato alcuni attivisti che hanno portato avanti lo sciopero della fame in nome del clima, sedendosi per giorni davanti al Ministero della Transizione ecologica e manifestando. Tra questi vi è Laura Zorzini, una ragazza di 27 anni da poco ricoverata in ospedale per via del lungo digiuno che ad oggi ha raggiunto i 9 giorni, ma che non ha paura di morire, lottando fino all’ultimo per i suoi ideali.

Sul modello dello Skolstrejk för klimatet – lo sciopero scolastico per il clima della giovanissima attivista dell’ambiente Greta Thunberg, in tutto il mondo moltissimi giovani di tutte le età hanno preso parte alle proteste per i cambiamenti climatici per aumentare la pressione sulla politica e sulle urgenti misure da prendere quanto prima per evitare il collasso del Pianeta. 

Laura Zorzini ed alcuni suoi compagni sono attivisti del movimento globale Extinction Rebellion che,  nonostante professi un modo pacifico di manifestare, è stato l’autore di un blitz lo scorso 2 febbraio con lanci di vernice sui muri del Mite, imbrattati di rosso.

I giovani di Extinction Rebellion si definiscono dell’Ultima generazione, dal nome della campagna che chiede l’istituzione di una assemblea dedita ai temidi ecologia e salvaguardia del Pianeta. Ma questa generazione è anche l’ultima poiché il conto alla rovescia scorre ormai inesorabilmente.  “Abbiamo ancora 3-4 anni per agire” scrivono gli attivisti sui loro cartelli.

L’incontro non è andato come gli attivisti speravano.

Il ministro mi ha definito una ragazzina con manie di gigantismo ipertrofico perché ho osato dettare la sua agenda in quanto ministro. Ci tengo inoltre a riportare l’atmosfera dell’incontro: ho trovato davanti a me una persona molto nervosa, molto arrabbiata e molto in crisi, segno che il fatto che stiamo portando avanti questo sciopero è estremamente scomodo per lui”

sono le parole di Laura, condivise da Extinction Rebellion che rende noto che lo sciopero della fame continuerà ad oltranza, rivolgendosi ora a Draghi.

Fonte:Extinction Rebellion Italia 

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook