L’autodistruzione dei coralli: preferiscono mangiare la plastica invece che il loro cibo naturale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Uno studio scientifico ha dimostrato che i coralli preferiscono nutrirsi di plastica anziché del loro cibo naturale, un problema potenzialmente letale.

Che la plastica sia nociva per il Pianeta è cosa risaputa, ma chi l’avrebbe detto che potesse addirittura diventare il cibo preferito dai coralli!? Lo ha dimostrato un recente studio scientifico pubblicato su Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences, secondo il quale alcuni tipi di coralli preferiscono la plastica al cibo naturale, nonostante essa contenga batteri letali.

Purtroppo, secondo gli studiosi, il problema non riguarda solo i coralli selvatici presi in esame, che vivono nella costa orientale degli Usa al largo di Rhode Island, il cui nome scientifico è Astrangia poculata, ma potrebbe colpire persino quelli tropicali della barriera corallina. Difatti le microplastiche, minuscoli frammenti di rifiuti di plastica, sono ormai sparse ovunque. Fra l’altro i coralli non sono gli unici a nutrirsene, a quanto pare anche pesci e uccelli ne vanno piuttosto ghiotti, e noi umani, inconsapevolmente, le assumiamo tramite acqua e cibo contaminati.

Ma come sono giunti, i ricercatori, a questo risultato? Dopo aver individuato nel corpo dei coralli una quantità considerevole di microplastica, circa 100 piccole fibre in ogni protuberanza, hanno eseguito un esperimento per verificare se la ingerissero intenzionalmente, preferendola al cibo naturale.

Per riuscirci hanno scaricato delle microsfere di plastica, e uova di gamberetti, in alcune vasche di coralli cresciuti in laboratorio. Analizzandone i corpi, hanno scoperto che avevano ingerito più plastica che gamberetti. E che il suo ingerimento, riempiendo lo stomaco, inibiva l’assunzione di altro cibo, senza tuttavia apportare nutrienti.

E pensare che inizialmente la ricerca, guidata dal biologo Randi Rotjan della Boston University, era focalizzata sugli ecosistemi marini, non sui danni provocati dalla plastica, che però si infiltrava ovunque, a tal punto da diventare protagonista dello studio.

Ma non è finita qui, purtroppo si è scoperto di peggio: dando in pasto ai coralli delle microsfere di plastica contaminate con batteri intestinali comuni E. coli, si è constatato che nel giro di due settimane essi morivano. Sebbene questo batterio non sia diffuso negli oceani, ve ne sono altri simili che spesso rivestono le microplastiche e che potrebbero, quindi, risultare letali per i coralli, portandoli all’estinzione.

Sui coralli ti potrebbero interessare anche:

Sul marine litter:

Inquinamento oceani: nel 2050 ci sarà più plastica che pesci

Laura De Rosa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook