Jovanotti: a rischio anche l’isola Dino, area protetta con specie in via di estinzione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Jova Beach Party di nuovo al centro delle polemiche: contestata anche la prossima data prevista per il 7 agosto in Calabria

Jovanotti di nuovo al centro della polemica per il suo tour Jova Beach Party, che prevede una serie di concerti in 17 zone costiere e montane naturali.

Gli spazi scelti per le esibizioni dei cantanti rappresentano l’habitat di diverse specie animali e vegetali sulle quali eventi come i concerti hanno un impatto devastante.

In alcuni casi i siti rappresentano addirittura aree naturali protette o ospitano specie animali a rischio come il Fratino e la tartaruga Caretta caretta che scelgono questi luoghi per riprodursi, nidificare o vivere.

Sulle spiagge toccate dal tour di Jovanotti crescono anche specie vegetali sempre più rare come la camomilla delle spiagge, il giglio marino e il papavero delle spiagge.

In queste aree naturali la musica ad alto volume e la presenza di migliaia di persone distrugge la vegetazione e disturba gli animali, che possono scappare e abbandonare i nidi: durante il recente concerto a Rimini, un pulcino di Fratino è sparito, nonostante la sorveglianza che, a detta degli organizzatori, sarebbe stata efficace nel proteggere questi animali.

Senza contare le modifiche ambientali date dai mezzi che livellano il territorio per rendere possibili i concerti.

In questi mesi le polemiche sul Jova Beach Party non si contano più: da Rimini a Cerveteri, da Vasto a Roccella Jonica fino all’ultimo caso che riguarda l’Isola Dino, in Calabria.

L’area, che ospiterà una tappa del tour di Jovanotti il prossimo 7 agosto, sta per diventare riserva naturale.

Si tratta di un luogo in cui crescono la rarissima primula di palinuro (Primula palinuri Petagna) e in cui è possibile trovare la Posidonia oceanica a pochi metri dalla spiaggia.

Sull’isola di Dino, oltre a nidi di gabbiani e rapaci, vivono esemplari di Pinna nobilis, mollusco noto come nacchera.

https://www.facebook.com/patrizia.miotti.1/posts/10220252007388978

Musica ad altissimo volume, migliaia di piedi che calpestano il suolo e la vegetazione, migliaia di persone che si getteranno in acqua per il bagno di mezzanotte: immaginate le conseguenze devastanti per questo territorio, e per gli altri oggetto del tour.

Cittadini, comitati locali e associazioni si sono mosse per impedire lo svolgimento dei concerti a tutela della flora e della fauna locali e in qualche caso si è riusciti nell’intento di limitare i danni, facendo spostare le esibizioni dalle aree protette.

Noi ci auguriamo che anche per le prossime date, come quella che riguarderà l’isola di Dino, prevalgano il buon senso e la tutela per l’ambiente, la cui protezione dovrebbe essere la nostra priorità.

**AGGIORNAMENTO 9 AGOSTO CON REPLICA TRIDENT**

In particolare su Praia a Mare le critiche evidenziano la presenza della tartaruga Caretta caretta, che tuttavia non risulta presente in zona. Dalla Vinca si evince infatti che l’ultima nidificazione della zona è stata rilevata a Diamante a 20 km a sud dall’area stessa e a 80 km a nord ovest a Marina di Camerota. Rispetto alla presenza della Posidonia oceanica non emerge nessuna evidenza negativa da parte della Vinca, per la semplice ragione che si trova dalla parte opposta dell’isola Dino, a partire da 50 metri di profondità e non risulta che tra i 25 mila spettatori , siano
presenti fan subacquei.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook