I cercatori d’oro uccidono leader indigeno dopo aver invaso un villaggio protetto in Amazzonia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cinquanta minatori hanno invaso un'area protetta nella foresta amazzonica, ucciso il leader di una comunità indigena e occupato le terre.

I cercatori d’oro hanno invaso un remoto villaggio indigeno a nord della foresta amazzonica la scorsa settimana. Circa cinquanta minatori, armati di fucili e in tenuta militare, hanno pugnalato a morte Emyra Wajãpi, uno dei leader del villaggio, gettato il suo corpo nel fiume, e occupato circa 600mila acri di terreno in un’area protetta della foresta Amazzonica. Gli indigeni hanno evacuato l’area e sono fuggiti nel villaggio vicino.

A dare la notizia dell’attacco, Randolfe Rodrigues, senatore dello stato di Amapá, che ha ricevuto messaggi disperati da parte dei leader indigeni che chiedevano aiuto alla polizia e all’esercito per fermare l’occupazione.

Se il governo non interverrà, gli indigeni potrebbero reagire all’attacco e c’è il rischio che il conflitto si intensifichi nelle prossime ore.

Minatori, taglialegna e agricoltori stanno minacciando diverse aree protette della foresta amazzonica e gli assalti ai villaggi indigeni sono in aumento in tutto il Brasile.
L’estrazione illegale di oro è a proporzioni epidemiche in Amazzonia e le attività minerarie stanno devastando la foresta e inquinando i fiumi riversando mercurio nel terreno e nelle acque.

I Wajãpi hanno vissuto per secoli nell’area e sono stati in isolamento fino agli anni ’70, quando il governo brasiliano ha costruito una strada che ha reso i loro villaggi accessibili a minatori, taglialegna e agricoltori.
A partire dagli anni ’70, i cercatori d’oro iniziarono a invadere le loro terre e la tribù rischiò di sparire a causa delle malattie portate dai minatori. Per tutelare il territorio e le comunità che vi abitano, nel 1996 le zone abitate dai Wajãpi sono state designate area protetta.

Oggi queste aree sono di nuovo minacciate dalle invasioni e le occupazioni sono sostenute dal presidente Bolsonaro, secondo il quale le comunità indigene – che ha definito come “uomini preistorici – dovrebbero perdere il controllo che hanno sui territori dell’Amazzonia, così che possano essere aperti alle industrie e divenire redditizi.

Secondo Rodrigues, Bolsonaro sarebbe responsabile della morte di Emyra Wajãpi e del conflitto il corso perché sta incoraggiando i minatori a occupare le terre indigene per interessi economici.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook