170 foche trovate morte sulle rive del Mar Caspio, forse a causa dell’inquinamento industriale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

170 foche trovate morte sulle rive del Mar Caspio, forse a causa dell'inquinamento industriale o del bracconaggio

Non è ancora chiara la causa, inquinamento industriale, bracconaggio, reti da pesca, sta di fatto che circa 170 foche sono state trovate morte sulle rive del Mar Caspio.

L’area in cui sono state rinvenute le foche si trova nella repubblica russa del Daghestan. E purtroppo non è la prima volta che succedono cose simili.

Dicevamo che le cause sono ancora ignote ma secondo i ricercatori non è da escludere l’elevato inquinamento industriale del Mar Caspio, che avrebbe causato negli ultimi anni la morte di moltissimi pesci. Anche il Programma ambientale delle Nazioni Unite ha avvertito che il Caspio “soffre di un enorme carico di inquinamento“.

Potrebbero c’entrare anche i cambiamenti climatici, come ha specificato Viktor Nikiforov del Moscow Marine Mammals research centre. Per non parlare del bracconaggio e delle reti da pesca in cui spesso le foche rimangono incastrate.

Le registrazioni raccolte, insieme alle fotografie e coordinate GPS di ogni animale morto, verranno ulteriormente analizzate per fare chiarezza sulla situazione. 

FONTE: aljazeera/Themoscowtimes

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook