Settimana della scienza 2022: tornano gli eroi di Super Mario (e non solo) per far appassionare i bambini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A Frascati la scienza diventa pop! Al via una settimana di eventi imperdibili e coinvolgenti per avvicinarsi a questo mondo affascinante, spesso considerato troppo astratto. Scopriamo il programma

Libera Terra

Chi l’ha detto che la scienza è troppo complessa da comprendere e riservata agli esperti? Con un po’ di creatività e fantasia, avvicinarsi a questo mondo diventa entusiasmante. E a Frascati, in provincia di Roma, si trasforma in un’esperienza pop! Qui, nella suggestiva cornice dei Castelli Romani, dal 24 settembre al 1° ottobre torna l’attesissima Settimana della Scienza, con ben 450 eventi portati avanti nell’ambito del progetto “heaL thE plAnet’s Future” (di cui noi di greenMe siamo media partner) e destinati ad adulti, ragazzi e bambini.

A mostrare gli esperimenti scientifici e fare appassionare a questo immenso universo di conoscenze non ci saranno soltanto esperti, ma anche personaggi dei videogiochi e film. Tra questi troveremo i Super Researchers, gli scienziati ispirati al mondo di Super Mario Bros impegnati a difendere il Pianeta. Per gli amanti del cinema di Cristopher Nolan, ci sarà anche un evento imperdibile: un inedito excursus tra “Interstellar”, “Inception” e “Tenet” per scoprire la fisica del tempo.

Gli eventi da non perdere

Scienza in gioco – Super Researchers

Se qualcuno pensa ancora che la scienza possa essere noiosa per bambini e ragazzini, si sbaglia di grosso. Domenica 25 al Giardino del Diamante di Frascati a coinvolgere le giovani generazioni ci saranno i Super Researchers, ispirati alla coppia di fratelli idraulici più celebre del mondo. Il loro obiettivo? Quello di migliorare il benessere dell’umanità e provare a salvare il mondo, affrontando naturalmente numerose sfide.

Saranno 4 i “regni” della ricerca che sarà possibile visitare. Si inizia con BiodiversiLand, la terra della Biodiversità, dove sarà possibile osservare la varietà degli esseri viventi che l’Europa si impegna a preservare e si potrà giocare a “Eco Invaders!” insieme agli scienziati della natura di G.Eco, Filippo Fratini e Stefano Valente (Università di Roma Tor Vergata).

Si entra poi nello SpreCastello, dove le ricercatrici e i ricercatori del Centro di Ricerca CREA – Alimenti e Nutrizione spiegheranno come, con piccoli quotidiani accorgimenti, si può evitare lo spreco alimentare, imparando anche a usare gli scarti della cucina come nuove risorse. Inoltre, i più coraggiosi potranno avventurarsi nell’Antro del Cambiamento Climatico dove, con tanti esperimenti, i divulgatori e le divulgatrici dell’Associazione giovanile Le Scie Fisiche aiuteranno a comprendere come funziona il surriscaldamento globale.

Infine, per gli appassionati di astronomia… da non perdere Super Mario Moon, un viaggio tra satelliti e pianeti animato da Speak Science e Università Roma Tre.

Alla scoperta della fisica del tempo attraverso i film di Nolan

Sempre domenica 25 settembre, dalle 21 in poi, è in programma un evento che fonde cultura pop e scienza. “La fisica del tempo spiegata grazie a film incomprensibili”: questo è il titolo della conferenza che sarà tenuta da Luca Perri, astrofisico e divulgatore scientifico.

La cultura pop è un modo, per il divulgatore, di mostrare quelle che sono le sue passioni, nel mio caso la cinematografia e la fisica. La divulgazione scientifica mi permette di unirle La cultura pop è anche sempre stata un po’ un “inganno” per il pubblico: riesce ad avvicinare delle persone che normalmente non si recherebbero ad una conferenza di fisica, – racconta Luca Perri – ma magari in questo modo danno una chance alla serata, per poi scoprire che la scienza può essere essa stessa intrattenimento.

Noi divulgatori scientifici, a volte, siamo un po’ un cavallo di troia quando giochiamo con la cultura popolare, solo che nella guerra di Troia il cavallo era un finto dono, che poi al suo interno portava qualcosa di molto spiacevole, invece nel nostro caso una conferenza di fisica che utilizza elementi pop, finge di fare un solo regalo allo spettatore, ma in realtà gliene fa uno ancora più grande: la scienza.

Fil rosso tra cinema e fisica è, quindi, il concetto di tempo nei film di Christopher Nolan. Sarà un viaggio tra film cult come Interstellar e Inception che ci aiuterà a scoprire se siamo di fronte a semplice fantascienza, creata da un genio visionario o a delle opere che contengono profonde riflessioni, scientificamente realistiche, sulla misteriosa natura del tempo.

I “ruffiani del dna”: i gatti conquistano il mondo

Alla Settimana della Scienza ci sarà spazio anche per loro: i mitici gatti, animali che per certi versi restano ancora un mistero per l’umanità. Nel corso di un evento in programma il 29 settembre si potranno approfondire le interazioni fra uomo e gatto.

gatti scienza

@Frascati Scienza

La loro relazione è iniziata più di 10mila anni fa, ma le traiettorie biologiche e culturali dietro l’evoluzione delle interazioni gatto-uomo nel tempo sono sconosciute.  – spiegano gli organizzatori – Il progetto FELIX, finanziato dall’UE, analizzerà oltre 800 campioni archeologici di gatti risalenti a 10.000 anni fa fino al 18° e 19° secolo provenienti da siti archeologici in Europa, Vicino e Medio Oriente e Nord Africa per ottenere informazioni sulla relazione gatto-uomo.

Ricostruendo i genomi e le abitudini alimentari dei gatti antichi, l’obiettivo di FELIX è ricostruire le caratteristiche biologiche ed ecologiche uniche che hanno plasmato la domesticazione dei gatti e la dispersione dei gatti domestici in tutto il mondo.

Notte Europea dei Ricercatori

L’evento conclusivo della settimana sarà, come ormai da tradizione, la Notte Europea dei Ricercatori (quest’anno insignita della medaglia del Presidente della Repubblica), che si svolgerà il 30 settembre. Quest’iniziativa promossa dalla Commissione Europea fin dal 2005 coinvolge ogni anno migliaia di ricercatori e istituzioni di ricerca in tutti i paesi europei. Sarà una preziosa occasione di incontro tra il mondo della ricerca e i cittadini.

Arpino, Frascati, Monterotondo, Pontecagnano Faiano, Rende e Roma: in queste sei città italiane si potrà prendere parte a numerosi eventi organizzati da CREA – Ricerca, il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria.

I temi toccati saranno tra i più disparati, ma tutti connessi all’alimentazione. È possibile creare un manuale antispreco per i giovani del futuro? Come e dove si ricerca un’alimentazione sostenibile? Quali sono i colori della salute? Quanto è fantastico il mondo degli ortaggi? Davvero quello che buttiamo della frutta andrebbe gettato? Quale storia nasconde il grano? Sono queste le domande a cui si cercherà di dare una risposta, all’insegna della scienza e del divertimento!

Per consultare il programma completo CLICCA QUI 

Non perderti tutte le altre nostre notizie, seguici su Google News e Telegram

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook