La Cop26 si dimentica di Salomé e di tutte le donne native che rischiano la vita per difendere la foresta amazzonica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sono molti gli indigeni (soprattutto donne) che si battono strenuamente per difendere i diritti umani e proteggere la propria terra

Sono molti gli indigeni (soprattutto donne) che si battono strenuamente per difendere i diritti umani e proteggere la propria terra. Per tutelarli Amnesty International ha lanciato una petizione

Oggi si concludono i lavori della Cop26: qualche fioco risultato in materia di tutela dell’ambiente e di riduzione delle emissioni inquinanti è stato raggiunto, ma sul piano umano molto resta ancora da fare. Continuano, infatti, senza sosta le rivendicazioni dei popoli nativi, che chiedono protezione per i fragili territori in cui vivono. Uomini e donne da anni rischiano la vita per difendere ciò che hanno di più caro: la loro identità, che si esprime anche e soprattutto attraverso la terra.

Salomé, leader del popolo Kichwa, da anni lotta per difendere la foresta amazzonica e il diritto delle donne della sua comunità a vivere in un ambiente sano e libero dal pericolo della violenza sessuale, ma non solo: negli anni ha denunciato più volte gli impatti ambientali delle operazioni petrolifere nel bacino del fiume Villano, in Ecuador.

Leggi anche: Perché i popoli indigeni stanno protestando alla Cop26 di Glasgow, ultima speranza per le terre ancestrali

Qui vive con i suoi cari e dopo aver avvertito il presidente ecuadoriano Lenin Moreno dei rischi ambientali collegati alle attività petrolifere e aver denunciato i casi di violenze sessuali contro le donne indigene, Salomé e la sua famiglia sono stati attaccati e minacciati con pietre nella loro casa. Malgrado una denuncia formale alle autorità, non è stata inserita in nessun programma di protezione, né i suoi aggressori sono stati condannati.

Purtroppo Salomé non è la sola protettrice della foresta a subire attacchi per il suo attivismo ambientalista e a vivere sotto minaccia. Anche Margoth Escobar ha scelto di dedicare la sua vita a difendere l’ambiente e i diritti dei popoli nativi e nel 2015 è stata attaccata dalla polizia perché ha partecipato a uno sciopero contro il governo, accusata di “attacco e resistenza” alle forze dell’ordine.

Qualche anno dopo, nel 2018, la sua casa è stata bruciata in un incendio doloso: nonostante la denuncia e l’avvio di un’indagine, gli autori dell’incendio non sono stati ancora identificati. Nema Grefa, invece, è la presidentessa di nazionalità Sápara dell’Ecuador, da anni anche lei impegnata nella difesa del territorio amazzonico e del diritto del suo popolo a proteggere il proprio ambiente: la sua nomina è stata formalmente contestata nel 2018 da gruppi che sostengono le attività petrolifere sul territorio di Sápara e che rivendicano il titolo di presidente per uno dei loro membri. Sempre nel 2018, ha subito le minacce di un uomo armato che, malgrado sia stato identificato, non è stato ancora arrestato.

Per difendere Salomé e le altre protettrici dell’ambiente e dei diritti umani, l’associazione Amnesty International ha lanciato una petizione per

[…] avviare le indagini sugli attacchi e sulle minacce subite da Patricia Gualinga, Nema Grefa, Salome Aranda e Margoth Escobar immediatamente, esaustivamente, in modo indipendente e imparziale; indagare sulla possibilità che gli attacchi siano una conseguenza del loro lavoro in favore dei diritti umani, identificare tutti i responsabili materiali o intellettuale e consegnarli alla giustizia; progettare e attuare un protocollo di indagine per i reati contro le difensore dei diritti umani, al fine di rafforzare il coordinamento tra i meccanismi e le autorità responsabili delle indagini penali.

QUI è possibile firmare la petizione.

Leggi tutto sulla Cop26

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Amnesty International

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook