Premio Terna 2009: ancora 5 giorni per votare la migliori opere sull’Ambiente

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

C'è ancora tempo 5 giorni per votare sul sito le opere in concorso al premio Terna 2009,

La ricetta del porridge senza cottura

Il tema di quest’anno è attuale, che più attuale non si può: “Energia : Umanità = Futuro : Ambiente. La proporzione per una nuova estetica“. Ma un premio sull’ambiente, per di più attuale, ha bisogno di regole attuali, quindi democratiche e trasparenti (bè insomma, regole abbastanza attuali). Quindi basta registrarsi sul sito del premio Terna e con ciò è possibile fino al 20 ottobre votare l’opera preferita tra le 3528 delle 4 categorie in concorso, i cui nomi purtroppo esprimono il limite della fantasia dell’organizzazione: Terawatt, Gigawatt, Megawatt e Connectivity New York.

Le opere in concorso sono realizzate con pittura, fotografia, elaborazione e light-box, e sono inclusi anche video, Polaroid, foto da telefonino e tutti i prelievi con finalità bidimensionale.

Per votare non è difficile, come dicevamo basta registrarsi sul sito. La difficoltà sta nel prendere visione di tutte opere, 3528 in totale. Magari ci si può concentrare sulle 45 opere della categoria Terawatt, i Big per intenderci, oppure le 102 dell Connectivity New York, artisti che operano stabilmente a New York.
Scopo del premio “è sostenere gli artisti e l’arte contemporanea e contribuire a creare un nuovo rapporto virtuoso tra aziende, mondo dell’arte e istituzioni attraverso l’interconnessione tra cultura ed economia.“. Il numero delle opere partecipanti sintetizza il raggiungimento dell’obiettivo primario.

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Per suggerimenti, storie o comunicati puoi contattare la redazione all'indirizzo redazione@greenme.it

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook