G20: accordo sul tetto massimo di 1.5 gradi, nessuna data per l’obiettivo zero emissioni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Per contrastare riscaldamento globale e crisi climatica serve più collaborazione e misure più concrete ed efficaci

Si è da poco concluso il G20 a Roma, appuntamento che apre i negoziati per la Cop26e e descritto dal Premier Draghi come un vertice che ha “riempito di sostanza le parole”.

Dopo la storica intesa di ieri sulla global minumun tax, nella mattinata di oggi è stato raggiunto un accordo tra i leader dei Paesi presenti, che si impegneranno per limitare a 1,5 gradi l’aumento delle temperature globali allo scopo di contrastare la crisi climatica.

Leggi anche: G20: intesa storica sulla global minimum tax, ratificato l’accordo sulla tassa minima

Per riuscire a frenare il riscaldamento globale si è posto l’accento sull’importanza della collaborazione e dell’impegno di tutti i Paesi e sulla necessità di “intraprendere ulteriori azioni”, che dovranno essere “significative ed efficaci”.

Leggi anche: Gli allevamenti intensivi sono bombe a orologeria, ma la Cop26 se ne sta dimenticando (INTERVISTA)

Quali saranno le misure da intraprendere? Secondo quanto riportato dall’ANSA, per il momento nella bozza della Dichiarazione finale del vertice ci sarebbe la sospensione dei finanziamenti a nuove centrali a carbone entro la fine del 2021 e la conferma del fondo per il clima pari a 100 miliardi a sostegno dei Paesi in via di sviluppo.

Si è discusso poi della neutralità carbonica, che alcuni Paesi vorrebbero raggiungere entro il 2050, una data che però non trova tutti d’accordo. Serghiei Lavrov, Ministro degli Esteri russo, ha ad esempio dichiarato che la Russia cercherà di raggiungere l’obiettivo zero emissioni entro il 2060 e che respingerà “vuote ambizioni”.

Da domani la Cop26 a Glasgow entrerà nel vivo, “l’ultima occasione per salvare il mondo dai cambiamenti climatici”, secondo il Principe Carlo. Come verrà colta questa ultima occasione, si vedrà in futuro.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti di riferimento: ANSA/The Guardian

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook