Tassonomia green, il Parlamento europeo vota finalmente contro l’inserimento di gas e nucleare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le commissioni Ambiente e Affari economici del Parlamento europeo hanno bocciato il tentativo della Commissione europea di includere il nucleare e il gas naturale tra i criteri di classificazione delle attività economiche sostenibili. Ma bisognerà attendere luglio per avere la decisione vera e propria: per confermare la scelta e bocciare l’atto delegato occorrerà la maggioranza assoluta, ossia il voto contrario di 353 eurodeputati

76 voti contro 62 e 4 astensioni per dire no all’inserimento di energia nucleare e gas nella Tassonomia verde. Le due commissioni europarlamentari hanno infatti bocciato l’atto delegato della Commissione con cui, definendo il gas naturale e il nucleare come energie “di transizione”, si era tentato di attribuire loro una sorta di patente di sostenibilità.  Ora, se confermata a maggioranza assoluta, la mozione potrà far cadere la proposta della Commissione.

Era febbraio scorso quando la Commissione Ue annunciò la sua intenzione di etichettare come “sostenibili” il gas e il nucleare all’interno della cosiddetta tassonomia, ossia l’elenco delle attività considerate sostenibili e quindi finanziabili dalla stessa Europa.

Non bastò, allora, l’opposizione di diversi Paesi né la bocciatura da parte di alcuni esperti ingaggiati da Bruxelles. Per la Commissione europea, il futuro dell’Europa è rappresentato anche dal gas fossile e dal nucleare, nonostante tutti i rischi e il notevole impatto ambientale che derivano da queste fonti di energia.

 

Come si legge nella nota del Parlamento europeo, i deputati riconoscono il ruolo del gas nucleare e fossile nel garantire un approvvigionamento energetico stabile durante la transizione verso un’economia sostenibile, na ritengono che gli standard di screening tecnico proposti dalla Commissione, nel suo regolamento delegato , a sostegno della loro inclusione non rispettino i criteri per le attività economiche ecosostenibili di cui all’articolo 3 del regolamento sulla tassonomia .

Il voto dovrà ora essere confermato dalla plenaria del Parlamento europeo che si terrà dal 4 al 7 luglio. Se la maggioranza assoluta dei deputati – 353 – darà conferma all’opposizione all’atto delegato proposto, la Commissione dovrà ritirarlo o modificarlo.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: European Parliament

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook