Indipendenza energetica: contro il caro bollette, l’UK punta su eolico e fotovoltaico (mentre l’Italia vuole riaprire le centrali a carbone)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il ricorso a energie rinnovabili accelera nel Regno Unito per raggiungere l'indipendenza energetica dall'estero

La ricetta del porridge senza cottura

Lo scontro Russia-Ucraina sta portando diversi Paesi a elaborare strategie per una maggiore indipendenza energetica. Quella del Regno Unito sembra muoversi verso le energie rinnovabili, ampliando notevolmente i parchi eolici on e offshore e facendo ricorso all’energia solare (mentre l’Italia sembra puntare dritto sulle centrali a carbone).

Leggi anche: Crisi Ucraina, siamo davvero pronti alla chiusura dei gasdotti russi?

Oggi, il 43% dell’elettricità nel Regno Unito proviene da fonti rinnovabili e l’obiettivo era quello di arrivare a coprire il 100% del fabbisogno del Paese grazie a energia pulita entro il 2035. L’idea ora è quella di anticipare i tempi, ad esempio semplificando le regole per la costruzione di nuovi parchi eolici, tema molto dibattuto e controverso.

Sebbene diversi parlamentari conservatori in passato si siano opposti ai parchi eolici, bloccandone lo sviluppo per sostenere le proteste di alcuni cittadini e del settore della pesca, oggi in molti stanno rivedendo le loro posizioni e sottolineano la necessità di accelerare la transizione green e abbandonare i combustibili fossili.

Siamo di fronte a una rivoluzione green? Non proprio. Il piano ha poco a che fare con sostenibilità, lotta al cambiamento climatico e riduzione delle emissioni ma risulta necessario per ridurre la dipendenza dai combustibili importati e contrastare i rincari per famiglie e imprese.

Leggi anche: Perché l’annuncio di Draghi di riaprire le centrali a carbone è davvero una pessima notizia

L’indipendenza infatti non sarà raggiunta solo grazie alle energie rinnovabili ma a un mix che includerà eolico, solare e anche nucleare, come ha spiegato pochi giorni fa Kwasi Kwarteng, Segretario di Stato per gli affari economici, l’energia e la strategia industriale del Regno Unito.

Non si tratta più di affrontare il cambiamento climatico o di raggiungere gli obiettivi Net Zero.Garantire l’indipendenza energetica pulita del Regno Unito è una questione di sicurezza nazionale. Putin può fissare il prezzo del gas, ma non può controllare direttamente il prezzo delle energie rinnovabili e del nucleare che generiamo nel Regno Unito – ha scritto Kwarteng su Twitter.

La strategia energetica del Regno Unito, che secondo il Guardian sarà svelata nelle prossime settimane, non includerà quindi solo fonti energetiche sostenibili e avrà come obiettivo principale quello di rendere il Regno Unito indipendente dalle forniture estere, prima ancora che dai combustibili fossili.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti di riferimento: The Guardian/Kwasi Kwarteng-Twitter

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook