A Parigi multe fino a 150 euro per i commercianti che sprecano energia con l’aria condizionata

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La capitale francese si prepara a un utilizzo più responsabile dell'aria condizionata, all'insegna di una "sobrietà energetica"

Pitture ecologiche e naturali per la casa

Commentando questa iniziativa, il presidente della repubblica francese ha parlato di “sobrietà energetica“, e in effetti è proprio di questo che si tratta: fare un uso più responsabile e coscienzioso della risorsa energetica, per risparmiare economicamente e impattare meno sull’ambiente.

A partire dal prossimo lunedì, in tutto il territorio di Parigi, andranno in vigore nuove regole in materia di utilizzo dell’aria condizionata: negozi, uffici e bistrot dovranno chiudere le porte se vorranno continuare a tenere accesa l’aria condizionata, che non dovrà scendere al di sotto dei 25°C.

Quindi, diventerà illegale tenere la porta aperta e contemporaneamente l’aria condizionata accesa. Questo comportamento, condannato come un insensato spreco di energia elettrica, sarà punito con multe fino a 150 euro dalla gendarmeria che girerà nelle città e che avrà il compito di osservare comportamenti illeciti tenuti da ristoratori e negozianti.

In un momento storico come quello che stiamo vivendo, con le fonti energetiche minacciate di razionamento in conseguenza del conflitto russo-ucraino, sprecare energia è un lusso che non ci si può più permettere. Tutti i Paesi dell’Unione Europea sono chiamati a rivedere al ribasso i propri consumi energetici, ha detto ancora il presidente Macron commentando l’iniziativa parigina.

Non si tratta di una misura meramente estiva: lo stesso principio resterà valido anche nei mesi invernali per quegli esercizi commerciali che terranno il riscaldamento acceso e la porta aperta. Parigi non è l’unica città francese in cui è presente una tale disposizione: provvedimenti simili sono già stati varati di recente a Bourg-en-Bresse, Lione e Besancon.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: ANSA

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook