Dal 1° maggio limite alle temperature raggiungibili da condizionatori e termosifoni, ma chi controlla?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A partire dal prossimo 1 maggio scattano limiti alle temperature dei condizionatori negli uffici pubblici, con multe salate per i trasgressori. Resta l'incognita sui controlli

Ecco il carrello smart per la spesa

Appena approvato alla Camera dei Deputati e ora allo studio dei senatori, il nuovo Decreto energia contiene misure volte a ridurre gli sprechi energetici negli uffici e nell’amministrazione pubblica. Un provvedimento importante, che fa già discutere, è quello che andrà a regime a partire dal prossimo 1 maggio e che riguarda gli impianti di condizionamento dell’aria.

È la cosiddetta “operazione termostato”: secondo le nuove disposizioni governative, la temperatura media all’interno degli edifici pubblici e degli uffici non dovrà scendere al di sotto dei 27°C in estate e non dovrà salire al di sopra dei 19°C nei mesi invernali. È prevista tuttavia, in entrambi i casi, una tolleranza di 2°C in più o in meno rispetto ai limiti imposti per legge.

Tale provvedimento, almeno per ora, non riguarderebbe strutture ospedaliere e RSA e neanche gli uffici privati. Anche se limitata al solo settore pubblico, l’operazione termostato potrebbe portare un risparmio compreso fra i due e i quattro miliardi di metri cubi di gas (7-8% dei consumi) nel periodo in cui sarà in vigore – ovvero fra il 1 maggio 2022 e il 31 marzo 2023.

Sono previste multe salate per i trasgressori, che vanno da un minimo di 500 euro fino ad un massimo di 3.000 euro. Ma chi si occuperà di effettuare i controlli all’interno delle strutture e degli uffici? Al momento dell’approvazione del decreto, il governo non ha aveva ancora comunicato le modalità di controllo della temperatura e di applicazione delle eventuali sanzioni. Attenderemo ragguagli in merito nelle prossime settimane.

Ad ogni modo, l’Italia non è l’unico Paese dell’euro-zona che costretto a fare i conti con aumenti indiscriminati dei prezzi dei carburanti provocati dalla crisi in Ucraina, sceglie la linea del rigore. Anche il governo tedesco, in queste settimane, sta invitando i suoi cittadini a risparmiare sul carburante per le auto, preferendo il trasporto pubblico o la bicicletta, annunciando l’avvio di una campagna politica sul risparmio energetico.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook