Luce fu al Salone del Mobile 2010: Solatube e LumiSheet (Video-intervista)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non col solo design si salva il pianeta. Non vorremmo essere snob ma a questo Salone abbiamo trovato un paio di soluzioni che non sono oggetti di design, ma soluzioni intelligenti ed ecologiche per l’illuminazione.

Non col solo design si salva il pianeta. Non vorremmo essere snob ma a questo Salone del mobile 2010 abbiamo trovato un paio di prodotti che non sono oggetti di design, ma soluzioni intelligenti ed ecologiche per l’illuminazione.

Solartube: i tubi conduttori della LUCE SOLARE

03_solatube

Un primo stand interessante in cui ci siamo imbattuti è quello di Solatube®: la sua calotta plasticosa farà inorridire più di un purista del disegno industriale, ma la sua funzione è davvero sorprendente. Il concetto di base è di catturare la luce solare non tanto per produrre elettricità, ma per illuminare! Per quello, direte voi, ci sono le finestre, ma pensate a quante stanze in casa, uno sgabuzzino, un disimpegno, non possono sfruttare la luce solare e vengono invece illuminate con la corrente elettrica. Solatube si piazza sul tetto, dove grazie alla sua tecnologia riesce a catturare la luce anche quando il sole è basso all’orizzonte; poi tramite un sistema di tubi riflettenti, la luce viene canalizzata fino a raggiungere la stanza da illuminare: luce del sole, senza finestre! Per una dimostrazione in diretta, guardatevi il video!


LumiSheet: i pannelli a LED

03_lumisheet

La seconda “scoperta” possiamo considerarla una base per il lavoro di designer o gli architetti che vogliano sperimentare soluzioni di illuminazioni alternative, tecnologicamente avanzate e rispettose per l’ambiante. Vi parliamo di LumiSheet® di Evo-line, la prima retroilluminazione unificata, ovvero un foglio di LED da usare a piacimento, come vi mostriamo nel video. Lumisheet ha una lunghissima vita – illumina 12h al giorno per 11 anni – consuma pochissima energia essendo alimentato a soli 12 volt e non contiene mercurio o altri metalli pesanti nocivi per l’ambiente.

Michele Clausi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook