Tetto all’uso dei riscaldamenti in casa e negli edifici pubblici, ma chi controllerà il rispetto delle limitazioni?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nel mezzo della crisi climatica in atto, il Governo ha disposto misure di contenimento all'uso del gas naturale - anche nelle nostre case. Resta ancora aperta la questione dei controlli

Nei giorni scorsi è stato presentato dal Ministero della Transizione ecologica il “Piano nazionale di contenimento dei consumi di gas naturale” – un pacchetto di disposizioni volte a limitare i consumi nazionali della risorsa energetica in un momento particolarmente critico per il nostro Paese e per l’intera Europa.

Le difficoltà di reperimento del gas naturale provocate dalle tensioni con la Russia hanno fatto schizzare alle stelle i prezzi delle bollette per i consumatori (da qui la proposta, non ancora approvata, di un tetto europeo al prezzo del gas), mentre si cercano nuovi fornitori che possano soddisfare la domanda nazionale di questa risorsa.

Leggi anche: Caro bollette, l’Europa propone il taglio obbligatorio ai consumi di elettricità

Nel frattempo, quello che possiamo fare è “stringere la cinghia”, ovvero limitare i consumi per mantenere scorte di gas sufficienti a sostenere i nostri bisogni per i prossimi mesi – quelli più freddi. Per questo motivo il Governo ha disposto una limitazione all’uso del riscaldamento nelle case private e negli edifici pubblici, con un tetto massimo di 19°C (ve ne abbiamo parlato in questo articolo).

Ma chi controllerà il rispetto di questa limitazione?

Per ora, il Governo non ha ancora stabilito eventuali sanzioni o pene per chi terrà i riscaldamenti accesi a una temperatura troppo alta, ma il Ministro per la Transizione Ecologica Roberto Cingolani ha affermato che sono allo studio misure punitive per i trasgressori.

Nei condomini con riscaldamento centralizzato, spetterà agli amministratori condominiali monitorare la temperatura dei termosifoni. Per quanto riguarda gli appartamenti con riscaldamento autonomo, effettuare i controlli sarà molto più difficile controllare l’effettivo rispetto della limitazione: in questo caso, si farà affidamento al buonsenso dei cittadini, puntando anche su una capillare campagna di sensibilizzazione.

Infine, negli edifici pubblici (come uffici e scuole) e negli enti privati, la Polizia di Stato effettuerà blitz a campione con controlli della temperatura, per verificare il rispetto della nuova normativa.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Ministero della Transizione Ecologica

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook