Con la guerra in Ucraina il prezzo del gas sarà sempre più alto (e noi ne siamo dipendenti)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Ucraina è guerra: ripercussioni umane sono già un triste scenario e lo spettro del “buco economico” è alle porte

In Ucraina è guerra, Vladimir Putin ha dato ordine di attacco e ormai Kiev è sotto i bombardamenti. Terribili ripercussioni umane sono già un triste scenario e lo spettro del “buco economico”, con una pandemia non ancora alle spalle, è alle porte.

Ma cosa rischia davvero il nostro Paese?

Secondo gli ultimi dati Eurostat disponibili, nel 2019 l’Unione Europea importava il 41,1% del suo gas naturale dalla Russia.  Inoltre il nostro sistema nazionale del gas, come si legge sul sito del ministero per la Transizione Ecologica, è alimentato prevalentemente con gas prodotto in Paesi stranieri, importato per mezzo di gasdotti internazionali o trasportato via mare in forma liquefatta come GNL e tramite terminali di rigassificazione e i nostri principali Paesi fonti sono Russia, Algeria, Libia, Olanda e Norvegia, Qatar, Azerbaijan.

Anche prima dell’attacco vero e proprio, in risposta alle alte tensioni geopolitiche, la Russia di Vladimir Putin stava già minacciando l’Occidente di tagliare le esportazioni di gas e se questo dovesse accadere davvero, l’Italia perderebbe quasi la metà del gas naturale che usa in ambito civile e industriale.

Leggi anche: Guerra in Ucraina: l’UE promette le sanzioni più dure mai viste, cosa comporteranno per noi?

D’altro canto, un taglio delle esportazioni comporterebbe una perdita economica ingente per la Russia, che copre con le esportazioni di combustibili fossili oltre il 40% del proprio bilancio. Come spiega Trading Economics, la Russia ha registrato avanzi commerciali regolari dal 1998 principalmente a causa delle elevate esportazioni di materie prime come petrolio greggio e gas naturale.

La minaccia più pesante per l’Europa e in particolare per il nostro Paese potrebbe dunque forse non essere il taglio vero e proprio, ma un costante incremento dei prezzi.

Leggi anche: Mentre in Ucraina imperversa la guerra il costo del petrolio e del grano schizza alle stelle

Come abbiamo detto più volte, il piano B poteva esserci, le rinnovabili, ma i nostri errori (da cui, peraltro, non impariamo) sono oggi più pesanti che mai.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook