Generatori diesel addio, ecco le turbine eoliche verticali (e di design) che catturano il vento da tutte le direzioni

Sono turbine ad asse verticale, progettate per catturare il vento in condizioni estreme. Sono molto efficienti e silenziose così da rispettare anche la fauna intorno ai luoghi di installazione.

Una turbina eolica verticale, senza pale, che può produrre energia sfruttando i venti più estremi e provenienti da tutte le direzioni e, in tal modo, riuscire ad alimentare anche le infrastrutture più remote.

Si tratta di IceWind, la speciale turbina ideata in Islanda e appositamente pensata per soddisfare il fabbisogno energetico anche in condizioni estreme con l’obiettivo, ad esempio, di sostituire i generatori diesel (gruppi elettrogeni) come quelli che vengono spesso usati sulle torri di telecomunicazioni. Grazie al loro orientamento verticale e al loro design riescono a catturare il vento proveniente da tutte le angolazioni.

turbine eoliche verticali

Le pale esterne a sezione trasversale e disposte a determinate distanze, riescono ad adattarsi alle diverse forze del vento. Le pale interne, invece, facilitano l’avviamento a bassa velocità e possono frenare in caso di venti violenti.

Sono costruite in alluminio, acciaio inossidabile e materiali compositi (fibra di vetro o di carbonio), e i produttori le dicono molto più durevoli delle turbine eoliche attualmente in servizio. Sono silenziose, emettono un suono a 33 decibel (una normale conversazione si sviluppa tra 40 e 60 decibel) così da non disturbare la fauna che vive nell’area attorno all’istallazione.

Progettate per resistere alle condizioni climatiche estreme, come ad esempio quelle che possono presentarsi nei siti vulcanici (video) possono sopportare la polvere, l’acqua, i detriti che penetrano nel generatore e resistono persino al ghiaccio. L’azienda islandese che le produce garantisce una buona efficienza, con poca o alcuna manutenzione e un periodo di attività di 20 anni.

Non vuoi perdere le nostre notizie?

Fonte: icewind.is

Ti potrebbe interessare anche: 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Iscriviti alla newsletter settimanale
Seguici su Facebook