Detrazioni fiscali 50%: come accedere all’ecobonus per mobili ed elettrodomestici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ecobonus, dopo il via libera di qualche giorno fa del Senato alle detrazioni fiscali per caldaie, pompe di calore e grandi elettrodomestici, l'Agenzia delle Entrate ha dato le prime indicazioni per richiedere i bonus fiscali legati alla ristrutturazioni

Eco-bonus, dopo il via libera di qualche giorno fa del Senato alle detrazioni fiscali per caldaie, pompe di calore e grandi elettrodomestici l’Agenzia delle Entrate ha dato le prime indicazioni per richiedere i bonus fiscali legati alla ristrutturazioni.

Va ricordato che il nuovo emendamento ha disposto le detrazioni del 50% per mobili, lavatrici, lavastoviglie e frigoriferi, quindi non solo gli elettrodomestrci da incasso come inizialmente previsto, e del 65% per le pompe di calore e le caldaie legati però all’edificio per i quali sono stati effettuati i lavori di ristrutturazione.

La nuova proroga delle detrazioni al 31 dicembre prevista nel decreto ha introdotto dunque dei bonus del 50% sull’acquisto degli arredi, per un massimo di 10mila euro in aggiunta ai 96.000 euro iniziali.

Come fare a richiedere gli ecobonus? L’ Agenzia delle Entrate ieri ha reso note le prime linee guida di cui i contribuenti che eseguono lavori di ristrutturazione di immobili dovranno tener conto, in attesa di conoscere l’esatto contenuto dell’articolo 16 del decreto, attualmente all’esame del Parlamento e in attesa di diventare legge.

Per avere diritto alla detrazione, l’intestatario dei lavori di ristrutturazione dovrà eseguire i pagamenti mediante bonifici bancari o postali, con le medesime modalità già previste per i pagamenti dei lavori di ristrutturazione fiscalmente agevolati.

Nel bonifico dovranno essere indicati:

– la causale del versamento attualmente utilizzata dalle banche e da Poste Italiane SPA, per i bonifici relativi ai lavori di ristrutturazione fiscalmente agevolati;

– il codice fiscale del beneficiario della detrazione;

– il numero di partita Iva ovvero il codice fiscale del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Detrazioni fiscali 50 e 65%: via libera all’Eco-bonus per caldaie, pompe di calore ed elettrodomestici

Detrazioni 65% e 50% ecco come cambia il bonus per la ristrutturazione

Detrazioni fiscali: bonus del 50% anche per cucine e mobili

Detrazioni fiscali 65%: online il sito dell’Enea per l’invio della documentazione dell’eco-bonus

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook