5 consigli per risparmiare quando fai il pieno di benzina da Altroconsumo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come risparmiare sul pieno ora che i prezzi dei carburanti sono alle stelle? Altroconsumo propone 5 "trucchetti" da mettere subito in pratica per limitare i consumi e risparmiare denaro

Con i prezzi della benzina che raggiungono cifre sempre più alte, fare il pieno al distributore sembra essere diventato un vero e proprio investimento. Colpa della crisi dell’energia originata dal conflitto in Ucraina, certo, ma anche della fine degli sconti sulle accise disposti dal Governo di Mario Draghi, che avevano contribuito a contenere l’aumento dei prezzi del carburante al dettaglio.

L’auto privata andrebbe lasciata più spesso in garage non solo per risparmiare sulla benzina, ma anche per limitare le emissioni di CO2 nell’atmosfera. Potremmo optare per l’acquisto di una bicicletta, per l’utilizzo più frequente dei mezzi pubblici, o anche per la condivisione del mezzo privato con altre persone che devono fare il nostro stesso percorso.

Tuttavia, qualora rinunciare alla macchina non sia un’opzione possibile, come fare per non spendere una fortuna ogni volta che ci si avvicina a un distributore di benzina? L’associazione dei consumatori Altroconsumo suggerisce ben cinque strategie per risparmiare quando si fa il pieno – eccole.

Leggi anche: Via libera al decreto carburanti: i benzinai dovranno esporre i prezzi medi calcolati dal ministero delle Imprese

Sì alla modalità SELF

Sulle strade esistono diversi distributori di benzina self service, che ci permettono di risparmiare un po’ quando facciamo il pieno: in effetti, quando siamo noi stessi a mettere la benzina, evitiamo di pagare l’addetto che lo farebbe al posto nostro.

Anche la maggior parte dei distributori con operatore offrono la doppia possibilità Servito e Self service: in questo caso, possiamo vedere quanto risparmiamo per litro di benzina acquistato se i due prezzi (con e senza servizio) sono esposti uno accanto all’altro.

Evita di rifornirti in autostrada

Il prezzo medio della benzina venduta ai distributori autostradali è sempre maggiore rispetto a quello che si trova nei centri abitati – possiamo notare la differenza fra il prezzo esposto al distributore in autostrada e quello sotto casa presso il quale siamo soliti rifornirci.

Quindi, se sappiamo di dover affrontare un lungo viaggio che prevede anche un tratto in autostrada, ricordiamoci di fare il pieno in città prima di partire, se possibile. In questo modo risparmieremo qualche euro prezioso.

Usa le app pensate per il risparmio

Sapevate che esistono app gratuite che ci consentono di conoscere i prezzi della benzina nei diversi distributori, in modo da poterli confrontare in anticipo e da scegliere la pompa più economica? In questo articolo abbiamo approfondito l’argomento, segnalandovi alcune app che permettono di confrontare i prezzi del carburante in tempo reale.

Cura la tua auto

Un ottimo modo per risparmiare quando si fa il pieno è investire nella manutenzione della propria autovettura: un’auto in salute, con un motore efficiente e con gli pneumatici alla giusta pressione, ci permetterà di ridurre i consumi di carburante fino al 20% rispetto a una vettura in condizioni non ottimali – con un bel risparmio economico.

Quindi, oltre ad effettuare i controlli stabiliti dalla legge, ricordiamo di tenere sempre puliti i filtri dell’aria (e di cambiarli all’occorrenza): l’intasamento del filtro può causare un incremento dei consumi di carburante fino al 10%.

Allo stesso modo, sostituiamo con la giusta frequenza l’olio all’interno del motore: l’olio è svolge un’azione lubrificante e pulente, permettendoci di ridurre i consumi di carburante fino al 3%. Infine, ricordiamo che per ogni 0,2 bar di pressione persa dai nostri pneumatici, il consumo di carburante aumenta dell’1-2%.

Limita la velocità

Guidare tenendo una velocità elevata, oltre a rappresentare un rischio per la nostra incolumità, aumenta l’inquinamento e i consumi di carburante. Quindi, anche se siamo in autostrada, teniamo la velocità del nostro veicolo un po’ al di sotto del limite consentito: guidare a 110 km/h anziché a 130 km/h ci farà consumare il 20% di carburante in meno.

Oltre alla velocità, teniamo uno stile di guida tranquillo, in modo da evitare sprechi di carburante: accelerazioni e frenata brusche fanno aumentare sensibilmente i consumi; al contrario, decelerazioni dolci precedute da un rallentamento e da un adeguato scalo di marcia ci permetteranno di limitare il consumo di benzina.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Altroconsumo

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono una giornalista e una blogger. Collaboro con le testate GreenMe, Ambiente Magazine e The Wise Magazine e mi occupo di natura, sostenibilità, stili di vita sani e rispettosi dell’ambiente. Sul mio blog “La strega che scrive” parlo di giornalismo, editoria e letteratura

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook