Stop al carbone: 5 Paesi europei rinunciano a nuove centrali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia fermeranno gli investimenti per nuove centrali a carbone all'estero. Lo hanno annunciato in un comunicato congiunto, unendosi così agli Stati Uniti nell'adottare una posizione pubblica che rafforza la tendenza cresc

Ecco il carrello smart per la spesa

Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia fermeranno gli investimenti per nuove centrali a carbone all’estero. Lo hanno annunciato in un comunicato congiunto, unendosi così agli Stati Uniti nell’adottare una posizione pubblica che rafforza la tendenza crescente tra i maggiori finanziatori nello spostare gli investimenti dai combustibili fossili alle rinnovabili.

In questi giorni anche la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS/EBRD) sta considerando la propria posizione sugli investimenti in tutti i tipi di energia, compreso il carbone. Per il WWF un segnale importante che contribuisce a rafforzare il crescente allontanamento globale dal carbone, la fonte di energia più obsoleta e inquinante che causa 2 morti ogni ora.

Per Mariagrazia Midulla, responsabile Clima e Energia del WWF Italia, dopo i passi attuati da questi Paesi, dalla Banca Mondiale e più recentemente dalla Banca Europea per gli Investimenti, è ora che altre grandi istituzioni seguano l’esempio: “agire è estremamente necessario e dobbiamo farlo adesso, ce lo dice la comunità scientifica con estrema chiarezza. Come WWF, ci appelliamo alle istituzioni finanziarie – sia pubbliche che private – perché impegnino 40 miliardi di dollari in nuovi investimenti nell’energia rinnovabile entro il giugno 2014, e perché pongano termine agli investimenti in combustibili fossili, puntando a una vera ed equa transizione“.

E sarebbe anche ora, sempre secondo l’associazione ambientalista, che BERS/EBRD diventino fossil free, mettendo fine ai finanziamenti per i combustibili fossili. “La BERS/EBRD deve aumentare i propri investimenti in energia rinnovabile e sostenibile perché, come i leader dei cinque Paesi Scandinavi e gli Stati Uniti hanno detto nella dichiarazione di ieri, ‘il cambiamento climatico è una delle principali sfide della nostra futura crescita economica e del nostro benessere”, continua Midulla, ricordando come più verrà ritardata un’azione reale, più costoso e difficile sarà affrontare il cambiamento climatico in atto. È l’ultima chiamata.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Carbone, killer silenzioso che causa 2 morti all’ora

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook