Come riciclare le mascherine? Dalle strade ai mobili, le soluzioni di economia circolare più utili e geniali del mondo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dalla Francia alla Spagna, dall'Italia all'Australia, sono numerosi i ricercatori, e le aziende, che propongono soluzioni per riciclare le mascherine monouso. Ecco come...

Durante la pandemia ne abbiamo usate circa 129 miliardi al mese in tutto il mondo, secondo uno studio pubblicato su Environmental Science & Technology. Ma il loro smaltimento continua a essere complicato. Sia perché infette, quindi potenzialmente pericolose, che per i materiali di cui sono realizzate, che le rendono difficili da riciclare.

Righelli, squadre e oggetti di uso comune

plaxtic

Per far fronte al vasto problema, aziende e ricercatori di diversi paesi hanno cercato soluzioni, e tra questi figura la start-up di Châtellerault, Plaxtil, che raccoglie mascherine in centri commerciali e farmacie per poi sottoporle a un processo di sterilizzazione e frantumazione, seguito da un’ulteriore lavorazione. Mescolate con una speciale resina, vengono introdotte nel ciclo di produzione della plastica, dando vita a oggetti di vario genere: visiere protettive anti-Covid, apriporta che permettono di non toccare le maniglie e prodotti di cancelleria come righelli e squadre

Cemento e asfalto per le strade

Plaxtil fortunatamente è in buona compagnia. Alcuni ricercatori guidati dal dottor Mohammad Saberian, in uno studio pubblicato sulla rivista Science of the Total Environment, hanno indagato le potenziali applicazioni delle mascherine chirurgiche nell’edilizia civile, dimostrando che potrebbero tornare utili nella costruzione di strade.

L’aggiunta di maschere facciali triturate all’aggregato di cemento riciclato, utilizzato per realizzare i 3 strati di base delle strade, si è rivelata infatti una scelta vincente, in grado di migliorare e rafforzare il materiale di costruzione, rendendolo più resistente e meno soggetto a deformazione.

Calcestruzzo resistente

In un lavoro correlato, i ricercatori dell’RMIT hanno scoperto che le mascherine usa e getta sminuzzate potrebbero rivelarsi utili anche nella produzione di calcestruzzo. E in effetti una società canadese, la Vitacore, le sottopone a un processo di triturazione e fusione per ricavarne pellet di plastica utili per rinforzare proprio il calcestruzzo.

Tastiere PC e cover smartphone

Anche il Politecnico di Torino ha lavorato in questa direzione, pubblicando sulla rivista Polymers un’interessante ricerca che dimostra la possibilità di riciclare le mascherine per ricavarne diverse tipologie di materiali termoplastici, utilizzabili nella produzione di oggetti in plastica: dalle tastiere per Pc alle cover per smartphone, ma anche sgabelli, panchine e molto altro.

Bidoni e contenitori

Zero waste box

@Terracycle

La famosa associazione che da anni opera in tutto il mondo con lo scopo di “eliminare l’idea dei rifiuti”  TerraCycle, sta portando avanti una corposa campagna di riciclo delle mascherine e dei prodotti di protezione monouso da cui ricavare plastica riciclata utilizzabile nella produzioni di mobili, bidoni, contenitori e altri oggetti.

Mobili e arredo urbano

Anche in Spagna sono state attivate iniziative di riciclo delle mascherine, come il progetto Sanitas. I dispositivi vengono raccolti all’interno di appositi contenitori installati nelle cliniche dentali Sanitas e successivamente, in collaborazione con Recicla Mascarillas, sottoposti a un processo di riciclaggio che permette di tramutarle in prodotti destinati al settore industriale e dei trasporti

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook