Marzo 2022 è stato uno dei più caldi di sempre a livello globale, mentre il ghiaccio antartico si è ridotto in maniera preoccupante

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Temperature da record: il mese appena trascorso è stato il quinto marzo più caldo a livello globale, come confermato dal nuovo bollettino del Copernicus Climate Change Service. Sempre più allarmante la situazione in Antartide, dove l'estensione del ghiaccio marino è stato del 26% inferiore alla media degli ultimi 30 anni

Le ondate di calore sono sempre più frequenti, anche in quei mesi in cui siamo soliti indossare ancora sciarpe e giubbotti pesanti. A livello globale il mese di marzo appena trascorso è stato il più quinto più caldo dell’ultimo trentennio. A confermarlo sono i dati del monitoraggio di Copernicus Climate Change Service, il servizio finanziato dall’Unione europea che pubblica regolarmente i bollettini climatici mensili.

La temperatura media globale per marzo 2022 è stata di circa 0.4ºC superiore alla media 1991-2020, mentre per quanto riguarda l’Europa lo scorso marzo è stato il terzo più freddo degli ultimi 10 anni.

Vi è stato un contrasto nelle anomalie di temperatura in Europa, con condizioni più calde della media a nord e più fredde della media a sud. – si legge nel bollettino – Le condizioni di freddo si sono estese all’Africa settentrionale e in Russia.

Notizie preoccupanti arrivano dalla regione artica e da quella antartica, dove si sono registrate condizioni di caldo anomalo. In particolare l’Artico ha vissuto il quarto marzo più caldo mai registrato; invece in Antartide sono stati battuti i record giornalieri di temperatura massima.

Sempre più drammatica la situazione dei ghiacciai artici

Naturalmente il caldo record ha avuto un impatto deleterio anche sui ghiacciai del Polo Nord e del Polo Sud. A destare grande preoccupazione è lo scenario registrato in Antartide, dove l’estensione del ghiaccio marino per il mese di marzo è stata del 26% inferiore alla media 1991-2020, classificandosi al secondo posto tra le più basse nei 44 anni di monitoraggio.

ghiaccio antartide marzo 2022

@Copernicus Climate Change Service

Le aree più colpite dal fenomeno sono state quelle dei mari di Ross, Amundsen e Weddell settentrionale. Invece, per quanto riguarda l’Artico, l’estensione del ghiaccio marino è stata del 3% inferiore alla media 1991-2020.

Lo scioglimento dei ghiacciai sta galoppando ad un ritmo sempre più veloce. Soltanto qualche giorno fa i satelliti hanno registrato il collasso della piattaforma di ghiaccio antartico Conger (della stessa estensione di Roma) nell’oceano. Il crollo del ghiacciaio è soltanto uno degli eventi più drammatici che stanno interessando l’Antartide negli ultimi decenni. Ed è uno dei tanti segnali che il nostro Pianeta ci manda per chiederci di invertire al più presto la rotta del riscaldamento globale. Prima che sia davvero troppo tardi.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Copernicus ECMWF

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook