“I Paesi responsabili della crisi climatica facciano la loro parte”, l’appello dell’ONU per aiutare il Pakistan devastato dalle inondazioni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mesi di forti piogge monsoniche e inondazioni hanno ucciso 1.391 persone e ne hanno colpite 33 milioni, mentre mezzo milione di persone sono rimaste senza casa. Il Pakistan è letteralmente in ginocchio

Come conservare l'avocado

Già qualche settimana fa aveva lanciato il monito secondo cui le compagnie petrolifere e del gas dovrebbero essere tassate per i loro guadagni “immorali” e il denaro raccolto destinato ai cittadini più vulnerabili, ora il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, rivolge le sue attenzioni al Pakistan.

Il mondo deve un massiccio aiuto al Pakistan impoverito per riprendersi dalle devastanti inondazioni dell’estate perché il paese è meno responsabile di molti altri per la crisi climatica, afferma.

Mesi di forti piogge monsoniche e inondazioni hanno ucciso 1.391 persone e ne hanno colpite 33 milioni, mentre mezzo milione di persone sono rimaste senza casa. Aerei carichi di aiuti dagli Stati Uniti, dagli Emirati Arabi Uniti e da altri Paesi hanno iniziato ad arrivare, ma secondo Guterres c’è ancora molto da fare per aiutare un Paese che contribuisce per meno dell’1% alle emissioni globali.

Stiamo andando verso un disastro – sostiene. Abbiamo fatto una guerra alla natura e la natura sta seguendo e colpendo in modo devastante. Oggi in Pakistan, domani in uno qualsiasi dei vostri Paesi.

Il Pakistan non ha contribuito in modo significativo al cambiamento climatico, il livello di emissioni in questo paese è relativamente basso – continua António Guterres. Eppure il Pakistan è uno dei Paesi più drammaticamente colpiti dai cambiamenti climatici.

Questo è un suicidio collettivo – conclude. Dal Pakistan, lancio un appello globale: Stop alla follia; porre fine alla guerra con la natura; investire ora nelle energie rinnovabili.

Ecco perché è ora che gli altri Paesi, tutti quelli che contribuiscono alla crisi climatica, prendano le loro responsabilità, obbligandosi (anche) a ridurre le emissioni e ad aiutare il Pakistan.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: The Guardian

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook