Nel silenzio generale, è crollato il “ghiacciaio sospeso” nella Patagonia cilena: è l’ennesima vittima della crisi climatica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il ghiacciaio della Patagonia cilena crollato nei giorni scorsi è solo l'ultima vittima della crisi climatica in atto: un avvertimento delle conseguenze del nostro agire sconsiderato contro il Pianeta

Le temperature sempre più alte e le ondate di calore sempre più frequenti ed intense stanno mettendo a dura prova la sopravvivenza dei ghiacciai, i più sensibili alla crisi climatica che avanza ad un ritmo sempre più veloce.

Nei giorni scorsi si è registrato il distacco di una parte del cosiddetto “ghiacciaio sospeso” che si trova all’interno del Parco Nazionale di Queulat, nella regione della Patagonia cilena: si tratta di un ghiacciaio pensile sospeso ad un’altezza di circa 200 metri, profondamente indebolito da temperature elevate e precipitazioni insolite per la zona.

L’evento è stato ripreso con il cellulare dai turisti che in quel momento si trovavano all’interno del parco. Per fortuna non si sono registrati feriti a seguito del crollo – l’unico ad essere profondamente ferito è il ghiacciaio, che si trova ad essere sempre più debole e fragile.

 

I distacchi fra le masse di ghiaccio sono un fenomeno normale, ma la frequenza con cui tale fenomeno occorre e l’entità dei distacchi destano non poche preoccupazioni all’interno della comunità scientifica. In un’intervista rilasciata all’agenzia stampa Reuters, il climatologo Raul Cordero lancia l’allarme: eventi di questo tipo sono sempre più frequenti e gravi in tutto il Pianeta – non solo in Cile.

Ciò che si è verificato in Patagonia nei giorni scorsi è qualcosa di assolutamente inedito, provocato da un’ondata di caldo senza precedenti e da temperature record in tutta la regione, arricchite dalla presenza di precipitazioni.

In pratica, un’ingente massa di aria calda e carica di umidità è arrivata sulle Ande della regione, dando vita a grandi nuvole cariche di pioggia, che si sono “scaricate” proprio sui ghiacciai, indebolendoli. Come sappiamo, infatti, il ghiaccio si scioglie più velocemente se è a contatto con l’acqua.

La ministra per l’ambiente cilena, Maisa Rojas, ha commentato in un post sul proprio profilo social le immagini del crollo del ghiacciaio:

Queste immagini scioccanti rendono chiaro che il cambiamento climatico è una realtà e ne stiamo vedendo gli effetti oggi, anche in Patagonia. Gli eventi meteorologici estremi saranno più frequenti e intensi, ecco perché il nostro impegno è implementare la “Legge sul cambiamento climatico”.

Non perderti tutte le altre nostre notizie, seguici su Google News e Telegram

Fonte: Reuters

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook