COP27, “non è il momento dell’apatia”. L’editoriale congiunto per chiedere una tassa sul clima ai giganti dei combustibili fossili

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

The Guardian e dozzine di testate giornalistiche internazionali pubblicano un editoriale congiunto che chiede un cambio radicale per finanziare l’azione per il clima nei Paesi più poveri. Non ne siamo ufficialmente parte, ma noi di GreenMe non possiamo non rilanciarlo

Tradizioni da superare

Dozzine di organizzazioni mediatiche di tutto il mondo hanno pubblicato un articolo editoriale congiunto chiedendo una tassa sui guadagni inaspettati per le più grandi compagnie di combustibili fossili. Il motivo? I fondi raccolti dovrebbero essere ridistribuiti ai Paesi più poveri e vulnerabili, poiché stanno subendo i peggiori impatti della crisi climatica nonostante abbiano fatto poco o nulla per provocarla.

L’umanità deve porre fine alla sua dipendenza dai combustibili fossili – afferma l’editoriale congiunto, coordinato dal Guardian. Oggi i Paesi ricchi rappresentano solo una persona su otto nel mondo, ma sono responsabili della metà dei gas serra. Queste nazioni hanno una chiara responsabilità morale di aiutare.

Leggi anche: “I Paesi responsabili della crisi climatica facciano la loro parte”, l’appello dell’ONU per aiutare il Pakistan devastato dalle inondazioni

Il segretario generale delle Nazioni Unite ha recentemente chiesto una tassa straordinaria sulle società di combustibili fossili, i cui profitti sono aumentati vertiginosamente nel momento in cui la guerra della Russia in Ucraina ha fatto lievitare i prezzi dell’energia. Le compagnie petrolifere e del gas hanno guadagnato 100 miliardi di dollari solo nei primi tre mesi del 2022.

Leggi anche: COP27, la crisi climatica è una questione di genere; sulle donne si abbattono le conseguenze più atroci

L’editoriale congiunto

Il cambiamento climatico è un problema globale che richiede la cooperazione tra tutte le nazioni. Ecco perché oggi più di 30 giornali e organizzazioni dei media in più di 20 Paesi hanno una visione comune su ciò che deve essere fatto. Il tempo sta finendo. Piuttosto che uscire dai combustibili fossili e passare all’energia pulita, molte nazioni ricche stanno reinvestendo in petrolio e gas, non riuscendo a tagliare le emissioni abbastanza velocemente e mercanteggiando sugli aiuti che sono disposti a inviare ai Paesi poveri. Tutto questo mentre il pianeta precipita verso il punto di non ritorno, dove il caos climatico diventa irreversibile.

Dal vertice sul clima delle Nazioni Unite Cop26 a Glasgow 12 mesi fa, i Paesi hanno promesso di fare solo un cinquantesimo di quanto necessario per mantenere le temperature entro 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali. Nessun continente ha evitato disastri meteorologici estremi quest’anno: dalle inondazioni in Pakistan alle ondate di caldo in Europa, dagli incendi boschivi in Australia agli uragani negli Stati Uniti. Dato che questi sono avvenuti a temperature elevate di circa 1,1°C, il mondo può aspettarsi molto peggio.

Mentre molte nazioni cercano di ridurre la loro dipendenza dalla Russia, il mondo sta vivendo una ” corsa all’oro ” per nuovi progetti di combustibili fossili. Questi sono lanciati come misure di rifornimento temporanee, ma rischiano di bloccare il pianeta in danni irreversibili. Tutto ciò sottolinea che l’umanità deve porre fine alla sua dipendenza dai combustibili fossili. Se l’energia rinnovabile fosse la norma non ci sarebbe alcuna emergenza climatica.

Le persone più povere del mondo sopporteranno il peso maggiore della distruzione provocata dalla siccità, dallo scioglimento delle calotte glaciali e dai fallimenti dei raccolti. Per proteggerli dalla perdita di vite umane e mezzi di sussistenza occorrerà denaro. I Paesi in via di sviluppo hanno bisogno di 2 trilioni di dollari all’anno per ridurre le loro emissioni di gas serra e far fronte al collasso climatico.

Ne abbiamo parlato qui: COP27: “il nostro sangue e le nostre lacrime hanno finanziato la rivoluzione industriale”, il drammatico appello dei Paesi in via di sviluppo

Oggi i Paesi ricchi rappresentano solo una persona su otto nel mondo, ma sono responsabili della metà dei gas serra. Queste nazioni hanno una chiara responsabilità morale di aiutare. Le nazioni in via di sviluppo dovrebbero ricevere denaro sufficiente per affrontare le pericolose condizioni che hanno fatto poco per creare, specialmente mentre incombe una recessione globale.

Le nazioni ricche dovrebbero mantenere la promessa di fondi precedentemente impegnati – come i 100 miliardi di dollari all’anno dal 2020 – per segnalare la loro serietà. Come minimo indispensabile, deve essere emanata una tassa sugli utili combinati delle maggiori compagnie petrolifere e del gas, stimata in quasi 100 miliardi di dollari nei primi tre mesi dell’anno. Ma le nazioni povere hanno anche debiti che rendono impossibile riprendersi dopo i disastri legati al clima o proteggersi da quelli futuri. I creditori dovrebbero essere generosi nel cancellare i prestiti per coloro che sono in prima linea nell’emergenza climatica.

[…]

Questo non è il momento dell’apatia o dell’autocompiacimento; l’urgenza del momento è su di noi. […] La chiave per mantenere il consenso in Egitto è non lasciare che le controversie sul commercio e la guerra in Ucraina blocchino la diplomazia climatica globale.

Leggi il nostro Speciale COP27.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook