Caldo record al Polo Nord, fino a 20 gradi in più: le immagini satellitari sono drammatiche

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Anche la regione artica sta facendo i conti con terribili ondate di calore: in pieno autunno in certe aree i termometri sfiorano addirittura i 20°C, come mostrano le immagini satellitari

Il nostro Pianeta è sempre più rovente. Quello che stiamo vivendo è un autunno decisamente insolito per l’Italia, alle prese con temperature tipiche dell’estate ancora a novembre: negli ultimi giorni in città della Sicilia e della Sardegna, ad esempio, i termometri hanno sfiorato i 30°C. E la situazione non è affatto migliore nel resto d’Europa, colpita da ondate di calore anomale.

Lo scorso venerdì stazione meteorologica dell’aeroporto di San Sebastián, nel Nord dei Paesi Baschi, ha segnato ben 30,3 ºC, mentre a Londra il Met Office ha fatto sapere che lo scorso mercoledì a Londra sono stati raggiunti 20,5°C gradi, un clima praticamente da fine agosto.

Ma le anomalie termiche stanno interessando anche le aree conosciute per essere le più fredde del Pianeta, fra cui il Polo Nord. Per la Groenlandia il mese di settembre 2022 è stato un mese estremamente caldo, con un incremento di temperature fino a 8°C rispetto al periodo di riferimento 1981-2020. E a novembre il quadro non è più roseo: basta guardare le immagini satellitari per rendersi conto di quanto sia drammatica la situazione nella regione artica.

Questa è la situazione oggi:

caldo record polo nord

@Tropical Tidbits

Come mostra la mappa satellitare sul sito meteorologico Tropical Tidbits, le temperature sono ben oltre lo 0 e in certe aree vengono sfiorati i 20°C. Se pensate che si abbasseranno nei prossimi giorni, purtroppo vi sbagliate. Le previsioni meteo al Polo Nord per la prossima settimana non sono rincuoranti:

caldo polo nord

@Tropical Tidbits

Il riscaldamento globale sta avendo conseguenze molto pesanti in Artide. A farne maggiormente le spese sono territori come la Groenlandia, alle prese da settembre con fenomeni di fusione di ghiaccio senza precedenti (che rappresentano un record per gli ultimi 44 anni), come confermato dal programma europeo di monitoraggio europeo Copernicus.

Le ondate di caldo anomalo sono diventate un fenomeno sempre più ricorrente e stanno colpendo anche il nostro Mar Mediterraneo. Le recenti immagini satellitari, diffuse da Copernicus, mostrano picchi calore di +5°C rispetto alla media storica di riferimento. E le conseguenze di questo fstravolgimento climatico non possono che essere devastanti per gli equilibri naturali e la nostra incolumità (dato che in questo modo saremo più esposti ad eventi estremi come gli uragani mediterranei).

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonti: Tropical Tidbits/Copernicus

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook