Il “codice a barre” della crisi climatica non basta più: temperature sempre più alte, servono più sfumature di colore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un professore inglese ha inventato questo schema per mostrare con immediatezza gli effetti dell'aumento delle temperature a livello globale

Un professore inglese ha inventato questo schema per mostrare con immediatezza gli effetti dell’aumento delle temperature a livello globale. E minaccia: le strisce nel futuro saranno sempre più scure

Il professore Ed Hawkins, dell’Università di Reading, ha messo a punto una rappresentazione grafica e di immediata lettura dell’andamento delle temperature a livello globale: ogni linea verticale rappresenta con una sfumatura di colore la temperatura media di un anno – si tende al blu per gli anni più freddi e al rosso per gli anni più caldi. Il grafico del professor Hawkins, mostrato per la prima volta nel 2018, è diventato in breve tempo un simbolo internazionale del cambiamento climatico.

Ero alla ricerca di un modo molto semplice per mostrare che il nostro Pianeta si sta riscaldando, e così ho realizzato questa serie di strisce – spiega Hawkins. – Le persone che hanno visto il mio grafico hanno potuto visualizzare con immediatezza gli effetti del riscaldamento climatico, poiché lo schema rappresenta il cambiamento delle temperature avvenuto negli ultimi decenni, con i colori che gradualmente cambiano dal blu all’azzurro all’arancio fino al rosso scuro. Gli anni rappresentati come i più caldi sono gli ultimi trenta: è un segnale per le autorità politiche affinché facciano qualcosa.

Secondo il professore, i colori tenderanno a scurirsi sempre più nel prossimo futuro – segnale inequivocabile della crisi climatica in atto e dell’aumento delle temperature. Saranno le scelte e le decisioni prese nell’ambito della Cop26 di Glasgow a determinare quanto scure saranno le prossime strisce di colore.

L’università ha messo a disposizione un portale in cui è possibile osservare il cambiamento delle temperature medie annuali in tutti i paesi del mondo, attraverso schemi che sintetizzano le temperature a livello nazionale. Osservando i diversi grafici, ci si rende conto che i diversi Paesi del mondo non si riscaldano tutti alla stessa velocità: per esempio, il Galles si è riscaldato in media una volta e mezza più velocemente rispetto alla media globale – questo vuol dire che, se a livello globale verrà raggiunto un aumento di 1,5°C (come previsto dagli Accordi di Parigi sul Clima), nel paese si assisterà ad un aumento di ben 3°C nelle temperature medie annuali.

Ecco le variazioni nelle temperature registrate in Italia fra il 1901 e il 2020 (@ showyourstripes)

Leggendo i dati delle strisce relativi al passato possiamo osservare che anche in epoche lontane si è assistito a temperature molto alte sulla terra. Allora, se le temperature e i livelli di CO2 nell’atmosfera sono stati più alti in altre epoche storiche, perché dobbiamo preoccuparci per il presente? I cambiamenti che il nostro Pianeta ha visto nel passato sono dovuti a naturali variazioni nei cicli solari, eruzioni vulcaniche, attacco di meteoriti. Ora invece è l’essere umano ad aver provocato questi cambiamenti, e le strisce mostrate sono importanti per immaginare il futuro che ci aspetta, se non cambiamo rotta.  

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti: ShowYourStripes / BBC

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook