La sostenibilità come strategia di sviluppo per una società più inclusiva e green con Intesa Sanpaolo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cessazione immediata di nuovi finanziamenti per l’estrazione del carbone e azzeramento delle esposizioni (phase out) entro il 2025

Ecco il carrello smart per la spesa

Cessazione immediata di nuovi finanziamenti per l’estrazione del carbone e azzeramento delle esposizioni (phase out) entro il 2025. A partire da luglio 2021, unica banca italiana a far parte dell’indice finanziario di sostenibilità Dow Jones. Azzeramento delle emissioni nette di CO2 entro il 2050. Un piano di credito a lungo termine per accompagnare le imprese italiane nella transizione energetica.

Stiamo parlando di Intesa Sanpaolo, che, non a caso, è riconosciuta nel mondo come una delle banche che ha fatto della sostenibilità una colonna portante del suo essere e che, tra le altre cose, ha anche aderito alla Net-Zero Banking Alliance (NZBA).

Per creare il mondo di domani occorre partire dalle fondamenta, quindi della sostenibilità di un ecosistema che fa perno su alcuni pilastri: la lotta concreta al cambiamento climatico, il supporto alle persone in difficoltà per favorire inclusione, la promozione della cultura green fondata sull’economia circolare.

Obiettivi che riguardano ciascuno di noi, ma che anche realtà come Intesa Sanpaolo stanno interpretando in maniera concreta, traducendo in realtà gli impegni per creare una società proiettata al futuro e mettendo in piedi un circolo virtuoso che si riflette positivamente sulla vita del singolo e poi dell’intera comunità.

Dai fondi dedicati alle persone per sostenerne la ripartenza o alle aziende che cercano nuove opportunità con processi di riqualificazione, ai finanziamenti di progetti con approcci rigenerativi.

Il tutto nel rispetto degli obiettivi dello sviluppo sostenibile, definiti strategici dalle Nazioni Unite, e raccolti nell’Agenda 2030.

Creare assieme un mondo più verde

Uno dei trending topic di questo periodo è la rivoluzione green e non potrebbe essere altrimenti. Siamo tutti testimoni del cambiamento climatico e sempre più imprese desiderano contribuire a salvaguardare l’ambiente. Il Gruppo Intesa Sanpaolo è accanto a queste realtà con finanziamenti per progetti legati, ad esempio, all’energia rinnovabile e all’efficientamento energetico, oltre che con l’offerta di supporto tecnico-finanziario specialistico. Altri sono destinati ad aiutare progetti di crescita sostenibile delle PMI, tratto distintivo del tessuto produttivo italiano: solo nel 2020 sono stati finanziati 119 progetti per un valore di oltre 130 milioni di euro.

La green economy, però, interessa anche i singoli individui che vogliono diventare consumatori più etici: dalla mobilità alternativa alla casa da costruire o riqualificare esistono dei prestiti con finalità green per aiutare questa accelerazione verde.

Sostenibilità fa rima con Economia Circolare

Negli anni ’60 si inizia a parlare di economia circolare. Da allora si è passati dalla teoria – con l’ideazione di un modello di produzione e consumo attento alla riduzione degli sprechi delle risorse naturali, al riutilizzo e al riciclo – alla pratica grazie a modelli con approcci rigenerativi.

Ma cosa vuol dire oggi per le imprese adottare una strategia in chiave innovativa? Per molte questo si traduce in progetti nell’ambito della produzione di energia rinnovabile, dell’efficienza energetica, dell’agricoltura sostenibile e della biodiversità. Sono oltre 150 i progetti finanziati, tra quelli che rientrano in queste tipologie, alcuni orientati alla produzione di biometano, di compost fino alla produzione di tessuti realizzati da scarti agricoli.

Disuguaglianze, abbatterle per favorire una società armonica

Inclusiva, equilibrata e immersa nel progresso: è così che si immagina la società del domani che però va nutrita da oggi. Si può contribuire sostenendo imprese e aziende in difficoltà, anche per le calamità naturali e promuovere anche in questo molo una cultura inclusiva, affinché le persone che sono il cuore pulsante di quelle attività non restino indietro. Come fa Intesa Sanpaolo che inoltre promuove anche progetti in soccorso di quanti vivono in condizioni di indigenza, stringe partnership a sostegno dell’infanzia fino alla realizzazione di programmi di inclusione senza distinzione alcuna di razza, sesso, provenienza, condizione sociale o intellettiva.

Sostenibilità, un impegno e una missione giorno dopo giorno

Se si vuole fare la propria parte per contribuire alla diffusione della cultura del rispetto dell’ambiente, della sostenibilità e dell’inclusione occorre agire in prima persona. La riduzione progressiva delle emissioni in atmosfera dei gas ad effetto serra come biossido di carbonio (CO2), metano (CH4), protossido di azoto (N2O), anidride solforosa (SO2) e idrofluorocarburi (HFC) è perseguita con grande scrupolo. Acquistare energia elettrica da fonti rinnovabili, gestire in modo responsabile le risorse, sviluppare iniziative di mobility management, promuovere prodotti e servizi attenti alla tutela ambientale, partecipare a iniziative per promuovere il dialogo e diffondere la cultura della sostenibilità sono tutte azioni che caratterizzano una impact bank. Perché la sostenibilità abbraccia l’ecologia e le persone: dall’azzeramento delle emissioni nocive all’abbattimento delle disuguaglianze per una società più prospera.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Per suggerimenti, storie o comunicati puoi contattare la redazione all'indirizzo redazione@greenme.it

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook