Ghesc: così uno dei borghi più belli (e antichi) del Piemonte è tornato a vivere grazie agli studenti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Fino a poco tempo fa, Ghesc era un piccolo villaggio disabitato tra le montagne del Piemonte. Ma grazie ad un progetto di riqualificazione, portato avanti da due architetti e un gruppo di studenti, il borgo medievale sta tornando al suo antico splendore

Ecco il carrello smart per la spesa

Tra le meravigliose montagne del Piemonte sorge Ghesc, un borgo medievale abbandonato da oltre cento anni e che oggi, grazie all’Associazione Canova, sta vivendo una seconda vita. Il merito è di Maurizio Cesprini e sua moglie Paola Gardin, architetto e studiosa di architettura tradizionale in pietra, che, insieme a tanti studenti e appassionati, hanno dato un nuovo volto al borgo, sempre nel pieno rispetto della tradizione e della natura del luogo.

Il complesso sorge in Val D’Ossola e oggi può essere definito un “villaggio laboratorio” dove dal 2007 è in atto un vero e proprio lavoro di restauro e ripopolamento. L’obiettivo del progetto è quello di valorizzare il patrimonio storico e architettonico mediante iniziative di tipo formativo, divulgativo e artistico.

Nel 2007 Maurizio e Paola hanno acquistato “Casa Alfio”, una delle otto abitazioni del paesino, iniziando a recuperare l’edificio. La loro metodologia ha puntato sulla valorizzazione di quello che vi era e sull’utilizzo di materiali sostenibili. La coppia si è trasferita nel 2012, mentre nel 2015 la casa ha ottenuto un riconoscimento nell’ambito del premio Constructive Alps, o Premio internazionale per ristrutturazioni e costruzioni sostenibili nelle Alpi.

A partire dal 2010 l’associazione ha sviluppato una serie di collaborazioni con il mondo universitario e il borgo è diventato un vero e proprio laboratorio a cielo aperto nonché centro culturale che ospita diverse manifestazioni artistiche. Ogni anno, infatti, vengono diversi studenti e studentesse provenienti sia dall’Italia che dall’estero; si realizzano dei campi estivi di lavoro, finalizzati a ricostruire le abitazioni del borgo.

I workshop sulla ricostruzione di case in pietra, oltre a insegnare ai giovani il recupero delle tradizionali modalità di costruzione, permettono  al paese di rinascere con una configurazione molto simile all’originale, nel pieno rispetto della storia, della tradizione e della natura circostante.

I borghi sono parte integrante del patrimonio storico-artistico italiano, evitare il loro abbandono e valorizzarli è una responsabilità civile. Come ha dichiarato il Presidente Sergio Mattarella

È necessario approntare politiche attive per evitare che si spopolino borghi e paesi, perché l’abbandono di questi rischia di provocare squilibri nei territori, fratture nella società e un grave impoverimento dell’ambiente, i cui danni si ripercuoterebbero ovunque. La montagna è una straordinaria ricchezza del Paese, alimenta la nostra cultura, è un tratto distintivo della nostra stessa identità. Occorre affrontare con determinazione i problemi dei cittadini e delle comunità che vivono nei territori di montagna, spesso lontano dalle grandi arterie di comunicazione, talvolta sfavoriti da servizi meno accessibili o più difficilmente disponibili

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Redattrice su temi della sostenibilità sociale e ambientale. Laureata con lode in filosofia, ha conseguito un master di II livello in Rendicontazione Innovazione e Sostenibilità. Ha maturato esperienza nella comunicazione e nell’organizzazione di eventi presso enti profit e no profit.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook