Una coppia indiana acquista un terreno vicino a una riserva di tigri e fa crescere di nuovo la foresta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La coppia ha deciso di lasciare che la natura facesse il proprio corso sul terreno di sua proprietà e, dopo vent'anni, la terra è un'oasi naturale.

La ricetta del porridge senza cottura

Oltre vent’anni fa, Aditya e Poonam Singh hanno acquistato un pezzo di terra in un angolo remoto del Rajasthan, nell’India Settentrionale per restituirla alla natura selvaggia.

Aditya Singh si è innamorato di questi luoghi durante un viaggio nel 1998 e la decisione di lasciare casa e lavoro per trasferirsi ai margini della Ranthambore Tiger Reserve è stata quasi immediata.

Anche per la moglie Poonam è stato amore a prima vista:

“Il mio primo avvistamento fu una tigre con tre cuccioli su una collina. È stato magico. Alla fine del viaggio, ho chiesto ad Aditya potevamo trasferirci a Ranthambore. Lo voleva anche lui e in pochi mesi ci siamo trasferiti”, ricorda la donna durante un’intervista a Mongabay,

I due coniugi indiani hanno acquistato un lotto di terreno destinato all’agricoltura, come lo sono tutt’ora i campi adiacenti. La coppia ha potuto comprare la terra a poco prezzo poiché priva di accesso alla strada e all’elettricità e perché spesso frequentata da tigri, dunque pericolosa.

Aditya e Poonam Singh non avevano però intenzione di coltivare, ma di lasciare libera la terra, permettendo alla natura di fare il proprio corso.

“L’abbiamo comprato. L’abbiamo recintato. E ce ne siamo dimenticati”, racconta Aditya Singh.

Ma quello era solo l’inizio. Nel tempo, infatti, i coniugi hanno acquistato anche altre terre adiacenti al primo lotto e ora possiedono oltre 40 acri di terreno.

All’inizio hanno dovuto combattere contro taglialegna e agricoltori per difendere il loro terreno ma pian piano il loro sogno si è trasformato in realtà e sui campi hanno iniziato a crescere indisturbati gli alberi: oggi, a distanza di ventidue anni, la loro proprietà è una macchia verde lussureggiante, una foresta tra le coltivazioni, frequentemente visitata da tigri, leopardi e altri animali selvatici.

Grazie a questa oasi selvaggia, gli animali hanno a disposizione cibo, acqua, riparo e il numero di esemplari che si avventura nelle coltivazioni in cerca di risorse è decisamente diminuito.

I Singh vogliono ora acquistare altre terre che confinano con la loro proprietà e restituire altri terreni alla natura. I due sperano con il loro esempio di poter ispirare altre persone a fare altrettanto.

Fonti di riferimento: Mongabay/http://Ranthambhore

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook