Sono un contadino e ho trascinato in tribunale il colosso energico Rwe per aver causato il cambiamento climatico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La causa contro RWE è storica: è la prima volta che qualcuno gravemente colpito dai rischi del cambiamento climatico ha chiesto che uno dei maggiori emettitori di gas serra in Europa si assuma le proprie responsabilità

Saúl Luciano Lliuya è peruviano e di mestiere fa il contadino e la guida alpina. Con una battaglia legale senza precedenti per la giustizia climatica, ha fatto causa alla società tedesca Rwe.

L’uomo accusa il colosso dell’energia di aver contribuito al cambiamento climatico e di aver avuto un impatto sugli ecosistemi delle Ande. Adesso, un tribunale tedesco ha accettato le sue obiezioni contro la Rwe che, secondo Greenpeace, detiene il record europeo di emissioni di CO2, con ben 89 milioni di tonnellate.

Sostenuto dalla Ong Germanwatch, Saúl Luciano Lliuya chiede un risarcimento di 17mila euro perché imputa alla Rwe la responsabilità di aver causato danni soprattutto al lago Placacocha sulla Cordillera Blanca che rischia di esondare e distruggere Huaraz.

I fatti. Nel novembre 2015, Saúl Luciano Lliuya aveva presentato ricorso per sentenza dichiarativa e risarcimento danni presso il tribunale distrettuale di Essen, in Germania, contro RWE, il più grande produttore di elettricità della Germania. La causa di Luciano Lliuya, appoggiata dalla Germanwatch, sosteneva che RWE, avendo consapevolmente contribuito al cambiamento climatico emettendo volumi sostanziali di gas serra, aveva una certa responsabilità per lo scioglimento dei ghiacciai vicino alla sua città di Huaraz.

Soprattutto perché lo scioglimento ha dato origine a una grave minaccia: Palcacocha, un lago glaciale situato sopra Huaraz, ha registrato un aumento volumetrico sostanziale dal 1975, che è drammaticamente accelerato dal 2003 in poi.

Luciano Lliuya ha presentato diverse teorie legali a sostegno della sua versione, chiedendo una condanna in tribunale per la RWE, ma il tribunale distrettuale all’epoca (nel 2017) aveva respinto le richieste di provvedimenti.

In appello, però la Corte ha riconosciuto il ricorso fondato e ammissibile, consentendo alla causa di passare alla fase istruttoria. Adesso i giudici stanno esaminando la situazione, ma hanno già ammesso delle responsabilità della RWE nell’accelerare l’aumento delle temperature considerando che le sue centrali hanno emesso quasi il doppio rispetto alle altre aziende (792 g/KWh).

Fonte: German watch/German watch statement/Climate case chart

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook