Cacca di cane “express”: in Spagna la rispediscono al mittente

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La cacca di cane per strada deve essere un problema serio a Brunete, piccolo paesino spagnolo poco distante da Madrid dove pare che abbondino i proprietari maleducati o distratti. Stanchi delle tante pupù non raccolte che continuavano a sporcare le strade, gli abitanti hanno infatti deciso di dar vita a una vera e propria task force, composta da una ventina di "agenti" con il compito di riconsegnare a chi di dovere i "regalini" trovati per terra.

La cacca di cane per strada deve essere un problema serio a Brunete, piccolo paesino spagnolo poco distante da Madrid dove pare che abbondino i proprietari maleducati o distratti. Stanchi delle tante pupù non raccolte che continuavano a sporcare le strade, gli abitanti hanno infatti deciso di dar vita a una vera e propria task force, composta da una ventina di “agenti” con il compito di riconsegnare a chi di dovere i “regalini” trovati per terra.

Proprio così: i volontari raccolgono le feci abbandonate e le inviano ai proprietari in scatole contrassegnate come “Oggetti smarriti”, grazie alla collaborazione con l’agenzia pubblicitaria McCann che si è offerta di sostenere il progetto gratuitamente. Durante la settimana, quindi, oltre 12 persone pattugliano le strade, tenendo d’occhio i proprietari che non ripuliscono la strada dopo che i loro animali domestici hanno fatto i bisogni.

Appena avvistano il delinquente, lo avvicina con una scusa, chiedendo informazioni sul cane, come il nome e la razza. “Con il nome del cane e la razza è possibile identificare il proprietario dal database degli animali registrati in municipio”, spiega un portavoce del consiglio comunale. Non appena il proprietario se ne va, i volontari raccolgono la cacca e la confezionano in scatole di cartone. I pacchetti puzzolenti vengono poi consegnati tramite corriere a casa dei proprietari dell’animale domestico, insieme a una multa di avvertimento.

task force cacca

A qualcuno potrebbe sembrare un piano stupido, ma finora a Brunete i controllori della cacca stanno facendo bene il loro lavoro e la campagna a costo quasi zero #cacaexpress sta consentendo ai cittadini di riappropriarsi di strade pulite. D’altronde nessuno vuole che un pacchetto di cacca venga consegnato alla porta di casa.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Come smaltire la pupù dei nostri cani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook