Bullizzato dai compagni per la sua maglietta disegnata a mano, l’Università del Tennessee la produce e la vende in tutto il mondo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un ragazzo è stato bullizzato per la sua maglietta disegnata a mano ma per aiutarlo l'Università del Tennessee l'ha messa in vendita rendendolo famoso.

In occasione dell’iniziativa “College Colors Day” aveva creato una maglietta personalizzata fatta a mano con il logo U.T., iniziali dell’Università del Tennessee, la sua preferita, ed era tutto orgoglioso di mostrarla alla sua insegnante, Laura Snyder, altrettanto entusiasta del suo spirito creativo.

Peccato che l’entusiasmo sia stato ben presto spazzato via dalle prese in giro rivolte al ragazzo della Altamonte Elementary School da alcune compagne di scuola sedute al tavolo accanto al suo, durante il pranzo. Parole che hanno devastato il suo animo sensibile.

Sperando di sollevargli il morale, l’insegnante gli disse che gli avrebbe acquistato una maglietta ufficiale dell’Università del Tennesse, ma voleva che fosse un regalo speciale e per questo chiese se la scuola avesse contatti con l’Università.

Nel frattempo il post che raccontava la triste vicenda è diventato virale finché l’Università stessa non ha deciso di inviare allo studente un pacchetto pieno di gadget e abbigliamento a tema, inclusa una t-shirt personalizzata proprio con il logo da lui disegnato, U.T.

Ora la maglietta è in vendita e una parte dei guadagni sarà devoluta a STOMP Out Bullying, associazione che lotta contro il bullismo.

 

Laura Snyder nel raccontare la vicenda a lieto fine ha mantenuto segreto il nome del ragazzo ma su Facebook ha pubblicato le parole di ringraziamento della madre, che sentendosi supportata non solo dall’insegnante ma anche da tanti sconosciuti, ha dichiarato:

“Sono sopraffatta dall’amore di questa estesa comunità e dall’orgoglio che provo per mio figlio e per essere un VFL. Ogni commento, oggetto inviato e azione intrapresa per conto di mio figlio non sarà mai dimenticato e si spera servirà come fonte d’ispirazione per lui per tutta la vita.”

Nel frattempo lo studente, ritrovatosi improvvisamente ‘designer’ famoso e con una maglietta di sua ideazione in vendita in tutto il mondo, ha dimenticato le lacrime e ritrovato il sorriso.

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Photo Credit: Facebook

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook