La Grande Barriera Corallina australiana è colpita dal sesto sbiancamento di massa, il più esteso di sempre

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La barriera corallina che si sbianca è un campanello di allarme per la salute degli oceani, bisogna al più presto ridurre le emissioni di gas serra

Sta per finire investito, la mamma lo salva

La Grande Barriera Corallina australiana è colpita da un nuovo esteso fenomeno di sbiancamento dei coralli a causa delle elevate temperature dell’acqua registrate negli ultimi mesi. Secondo l’agenzia governativa australiana in pericolo è il 91% dei coralli.

La barriera corallina che si sbianca è un campanello di allarme per la salute degli oceani, soprattutto perché gli scienziati della Great Barrier Reef Marine Park Authority (GBRMPA) confermano che a marzo c’è stato il sesto evento di sbiancamento di massa mai registrato.

Il quarto era avvenuto nel 2016, ma adesso la situazione fa preoccupare ancora di più. Secondo il rapporto governativo quasi tutte le barriere coralline esaminate nel raggio di oltre 2mila chilometri sono state colpite dallo sbiancamento.

Come spiega Greenpeace, il fenomeno dello sbiancamento è una risposta dei coralli alle situazioni di stress ambientale, come l’aumento della temperatura. A causa dello stress termico i coralli espellono infatti le alghe unicellulari (Zooxanthellae) che vivono nei loro tessuti, e che sono responsabili dei loro colori brillanti.

Le Zooxanthellae sono fondamentali per la sopravvivenza dei coralli perché  forniscono a questi animali il 90% del fabbisogno energetico richiesto per la calcificazione, la crescita e la riproduzione. Se le temperature tornano regolari in tempi brevi, cioè prima che i coralli abbiano esaurito le loro riserve energetiche, la simbiosi può essere ristabilita. In caso contrario sono destinati a morire per mancanza di nutrienti.

Lo sbiancamento dei coralli tende a verificarsi quindi, quando le temperature dell’acqua sono molto più calde del normale. Ma per la prima volta, questo sbiancamento di massa avviene nonostante La Niña, un evento meteorologico caratterizzato da temperature più fresche del normale nell’Oceano Pacifico equatoriale. Nello specifico, il rapporto ha esaminato un totale di 719 barriere coralline durante la stagione estiva australiana 2021-2022 e ha rilevato che 654 barriere coralline, ovvero il 91%, “ha mostrato uno sbiancamento”.

“Questo è il quarto evento di sbiancamento di massa dal 2016 e il sesto che si verifica sulla Grande Barriera Corallina dal 1998”, ha affermato il Great Barrier Reef Marine.

Le acque della Grande Barriera Corallina hanno iniziato a riscaldarsi nel dicembre 2021 e hanno superato i “massimi storici”. Ma non solo. Ci sono state tre ondate di calore che hanno causato uno stress termico in tutte le aree centrali e settentrionali della barriera corallina, secondo il rapporto. Il corallo stressato espelle le alghe dall’interno del suo tessuto, privandolo di una fonte di cibo.

Se le condizioni non migliorano, il corallo può morire di fame e morire, diventando bianco. Il problema è che anche i coralli più forti richiedono quasi un decennio per riprendersi. Il rapporto spiega poi che la crisi climatica rimane la più grande minaccia per la barriera corallina e che “gli eventi che causano perturbazioni su di essa stanno diventando più frequenti”.

“Per dare alla nostra barriera corallina una possibilità di combattere, dobbiamo affrontare il problema numero uno: il cambiamento climatico. Nessun finanziamento fermerà questi eventi di sbiancamento a meno che non riduciamo le nostre emissioni in questo decennio”, dice Amanda McKenzie, CEO del Climate Council.

La Grande Barriera Corallina è uno dei tesori nazionali dell’Australia, si estende per circa 2.300 chilometri lungo la costa del Queensland e attira circa tre milioni di turisti all’anno. Più volte l’Unesco ha fatto pressioni sul governo australiano spiegando che non sta facendo abbastanza per salvare la barriera corallina e per ridurre drasticamente le emissioni di gas serra.

Fonte: Great Barrier Reef Marine Park Authority 

Ti potrebbe interessare:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook