Cosa ci fanno dei maiali sulle piste di atterraggio di Amsterdam?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli animali sono stati utilizzati in un progetto pilota per scongiurare il rischio di collisioni fra gli uccelli e gli aerei in transito

Gli animali da fattoria sono stati utilizzati in un progetto pilota per scongiurare il rischio di collisioni fra gli uccelli e gli aerei in transito in uno degli aeroporti più trafficati d’Europa

Nell’area che circonda l’aeroporto di Schiphol-Amsterdam, in Olanda, è stato lanciato un progetto pilota per scoprire se i maiali sono in grado di tenere lontani gli uccelli dalle piste di atterraggio per gli aerei e dalle aree immediatamente vicine. Un gruppo di 20 maiali è stato quindi posizionato in un’area ampia due ettari, posizionata fra le piste di atterraggio 18R-36L e 18C-36C, dove sono state recentemente piantate barbabietole da zucchero. Queste piante attirano particolarmente gli uccelli che ne vanno ghiotti, e che spesso si avvicinano troppo alle piste di atterraggio e agli aerei, dando luogo a collisioni dagli esiti tragici: permettere ad altri animali (i maiali) di mangiare queste piante dovrebbe tenere lontani i volatili.

I numeri del fenomeno degli scontri fra aerei e uccelli sono drammatici: fra il 2018 e il 2019 si sono registrate 565 collisioni solo nell’area dell’aeroporto olandese, con un picco di eventi durante la stagione estiva. Il numero è calato a 259 nel periodo 2020-2021, ma solo per la diminuzione del traffico aereo in conseguenza della pandemia da Coronavirus.

Finora, i metodi utilizzati per tenere lontani gli uccelli dall’aeroporto sono stati i segnali sonori e i raggi laser messi in azione da un team di 20 “controllori” assoldati dall’aeroporto stesso: si tratta, evidentemente, di deterrenti non molto efficaci, visto l’alto numero di incidenti che comunque si verificano annualmente. Ora questo progetto vuole verificare se i maiali possano fare qualcosa in più per salvare gli uccelli di quanto non possano fare le “armi” messe in campo dall’uomo. In queste settimane, l’attività degli uccelli nell’area con i maiali è stata comparata grazie ai radar a quella di un’altra area, in cui i maiali non sono presenti.

Gli uccelli adorano la barbabietola e, quando la avvistano sui campi, di precipitano a mangiarla – spiega Ernst Koelman, ispettore dell’ambiente e dei trasporti, in un’intervista al giornale “The Guardian”. – Se si avvicinano troppo alle piste per gustare il loro cibo preferito, mettono in pericolo se stesse e anche il traffico aereo. Ecco perché abbiamo assoldato i maiali: mangiano le barbabietole e tengono lontani i volatili. Per ora si tratta di un progetto “pilota”, che interessa un’area limitata (solo 2 ettari) se si considera che l’area attorno all’aeroporto copre in realtà 2.000 ettari. Un piccolo esperimento, i cui risultati tuttavia sono già molto incoraggianti: l’anno prossimo destineremo più spazio alla presenza dei maiali.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti: Schiphol-Amsterdam Airport / The Guardian

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook