Allarme Onu: la crisi climatica è una minaccia per la sicurezza e la stabilità mondiali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La crisi climatica porterà a carestie e flussi migratori che mineranno la stabilità e la sicurezza di tutti i Paesi

La sicurezza e la stabilità mondiali potrebbero crollare a causa della scarsità di cibo dovuta alla crisi climatica. Le carestie porterebbero infatti a flussi migratori che, a loro volta, rischierebbero di aumentare caos e conflitti.

Leggi anche: Ognuno di noi può diventare un “rifugiato climatico”, ma la Cop26 proverà a invertire la rotta (INTERVISTA)

A lanciare l’allarme è Patricia Espinosa, segretaria esecutiva della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, a pochi giorni dall’inizio dei colloqui previsti per la Cop26 a Glasgow.

Stiamo davvero parlando di preservare la stabilità dei paesi, preservare le istituzioni che abbiamo costruito in tanti anni, preservare i migliori obiettivi che i nostri paesi si sono posti insieme. Lo scenario catastrofico indicherebbe che avremo massicci flussi di sfollati. Significherebbe meno cibo, quindi probabilmente una crisi della sicurezza alimentare. Lascerebbe molte più persone vulnerabili in situazioni terribili, gruppi terroristici e gruppi violenti. Significherebbe instabilità – ha dichiarato Espinosa.

Gli eventi a cascata generati dalla crisi climatica riguarderebbero tutto il sistema che abbiamo costruito e le misure che saranno decise durante la Cop26 potrebbero non essere sufficienti a scongiurare il pericolo.

I leader dei Paesi del G20 si riuniranno a Roma il prossimo fine settimana per due giorni di colloqui preliminari, per poi spostarsi a Glasgow 1° novembre: in due settimane si confronteranno per cercare soluzioni efficaci a raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi sul clima del 2015.

Fino a oggi, infatti, gli impegni assunti dai Paesi per ridurre le emissioni sono inferiori a quanto sarebbe necessario per frenare il riscaldamento globale. Inoltre, all’appuntamento quasi certamente non parteciperanno leader mondiali di Paesi chiave, come Cina e Russia.

Leggi anche: Cop26: Putin non andrà a Glasgow (e i colloqui per il clima sono ancora più in crisi)

Al termine della Cop26, alle Nazioni potrebbe essere chiesto di rivedere immediatamente i loro piani e fare molto di più di quanto fatto finora e non è scontato che tutti i Paesi siano d’accordo o abbiano modo di adottare misure diverse.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte di riferimento: The Guardian/ANSA

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook