Trasformare l’aria calda in acqua potabile: il dispositivo in gel che potrebbe rivoluzionare il futuro

Con il problema della scarsità d’acqua sempre più pressante, i ricercatori dell’Università del Texas di Austin hanno dato vita ad un idrogel ingegnerizzato a livello molecolare che può creare acqua pulita utilizzando solo l’energia della luce solare

Molte parti del mondo si stanno trovando ad affrontare problemi di scarsità d’acqua, ma ora potrebbe essere in arrivo una speranza: la possibilità di trasformare facilmente l’aria calda in acqua potabile.

Negli ultimi anni, infatti, i ricercatori dell’Università del Texas di Austin si sono concentrati sull’umidità presente nell’aria come potenziale fonte di acqua potabile per le popolazioni colpite dalla siccità.

In una nuova ricerca pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences hanno raggiunto un importante traguardo nei loro sforzi per creare acqua potabile dal nulla: un idrogel ingegnerizzato a livello molecolare che può creare acqua pulita utilizzando solo l’energia della luce solare.

Gli scienziati sono riusciti a estrarre l’acqua dall’atmosfera e a renderla potabile utilizzando l’energia solare, in condizioni di temperatura fino a 104 gradi, in linea con il clima estivo del Texas e di altre parti del mondo.

Ciò significa che le persone che vivono in luoghi con un eccesso di calore e un accesso minimo all’acqua pulita potrebbero un giorno semplicemente posizionare un dispositivo all’esterno che produrrebbe acqua per loro, senza alcuno sforzo aggiuntivo.

Il dispositivo può produrre tra i 3,5 e i 7 kg di acqua per kg di gel

Guihua Yu, professore di scienza dei materiali e ingegneria presso il Dipartimento di ingegneria meccanica Walker della Cockrell School of Engineering e il Texas Materials Institute, ha dichiarato:

Con il nostro nuovo idrogel, non stiamo semplicemente estraendo acqua dal nulla. Lo facciamo in modo estremamente veloce e senza consumare troppa energia. L’aspetto davvero affascinante del nostro idrogel è il modo in cui rilascia l’acqua. Pensate a un’estate calda come quella texana: potremmo semplicemente sfruttare gli alti e bassi naturali della temperatura, senza bisogno di accendere i riscaldamenti.

Il dispositivo può produrre tra i 3,5 e i 7 chilogrammi di acqua per chilogrammo di gel, a seconda delle condizioni di umidità. Una caratteristica significativa di questa ricerca è l’adattabilità dell’idrogel in microparticelle chiamate “microgel”. Questi microgel sbloccano i miglioramenti in termini di velocità ed efficienza che portano questo dispositivo molto più vicino alla realtà.

Weixin Guan, studente laureato nel laboratorio di Yu e uno dei leader della ricerca, ha spiegato:

Trasformando l’idrogel in particelle di microdimensioni, possiamo rendere ultraveloce la cattura e il rilascio dell’acqua. Questo offre un nuovo tipo di sorbenti altamente efficienti che possono migliorare significativamente la produzione di acqua con cicli multipli giornalieri.

L’obiettivo è renderlo disponibile come metodo portatile

I ricercatori stanno cercando di migliorare ulteriormente la tecnologia, con l’obiettivo di trasformarla in un prodotto commerciale. Un’area di interesse è l’ottimizzazione dell’ingegneria dei microgel per migliorare ulteriormente l’efficienza.

La scalabilità è un importante passo successivo. Gli scienziati intendono tradurre il loro lavoro in soluzioni tangibili e scalabili che possano essere utilizzate in tutto il mondo come metodo portatile e a basso costo per creare acqua potabile. Questo potrebbe cambiare la vita di paesi come l’Etiopia, dove quasi il 60% della popolazione non ha accesso all’acqua potabile.

L’obiettivo finale è dunque quello di renderlo disponibile alle persone di tutto il mondo che hanno bisogno di un accesso rapido e costante all’acqua potabile, in particolare nelle zone aride. Il team sta lavorando ad altre versioni del dispositivo realizzate con materiali organici, che ridurrebbero i costi per la produzione di massa.

Aria calda acqua potabile

@The University of Texas

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: PNAS

Ti potrebbe interessare anche: 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze della Comunicazione, dal 2016 si occupa di redazione di testi per siti web e blog aziendali. Dopo una parentesi nella carta stampata, nel 2021 l'incontro con l'editoria online: è amore a prima vista.
Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Facebook