Sta per cominciare la più grande demolizione di dighe al mondo, per lasciare i salmoni liberi di nuotare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il fiume Klamath è il terzo più grande che scorre nell’Oceano Pacifico dagli Stati Uniti continentali, dalle sue sorgenti nella Cascade Range nel sud-est dell’Oregon, attraverso la California settentrionale e fino al suo estuario. La rimozione di quattro dighe idroelettriche costituirà il più grande progetto di rimozione di dighe al mondo e uno dei più grandi sforzi di ripristino dell’ecosistema nella storia degli States

Si recupereranno le attività di pesca dei salmonidi minacciati e in via di estinzione e le tribù locali potranno finalmente tirare un sospiro di sollievo, così le 4 dighe sul fiume Klamath andranno presto via.

Dopo anni di battaglia, infatti, l’hanno vinta gli ambientalisti americani in un bacino – quello di Klamath, appunto – che negli ultimi 150 anni ha subito sostanziali cambiamenti fisici, tra cui proprio la costruzione e il funzionamento di dighe idroelettriche, l’aumento del raccolto di pesce, la perdita di zone umide, la deviazione dell’acqua per usi agricoli, le operazioni minerarie, la costruzione di strade e la raccolta di legname.

Leggi anche: Fatte saltare in aria più di 200 dighe in un solo anno dai fiumi europei per salvare i pesci

Un putiferio che ha senza dubbio contribuito al declino della pesca, creando ovviamente anche gravi difficoltà per le tribù dei nativi americani. Se da una parte, infatti, è necessario salvaguardare la popolazione dei salmoni, il cui numero è ormai il 5% circa di quello di un tempo, dall’altra c’è l’urgenza di ridare ai popoli indigeni la loro forma di sussistenza alimentare tradizionale nell’area.

Per questo motivo, la U.S. Federal Energy Regulatory Commission ha approvato la demolizione delle quattro dighe sul fiume Klamath, per quella che sarà la più grande impresa di rimozione di dighe nella storia degli Stati Uniti. Il costo sarà sostenuto in parte dalla stessa società che gestisce le dighe e l’operazione dovrebbe concludersi entro il 2024.

Il fiume Klamath tornerà a flusso libero e questo permetterà la risalita dei salmoni e la loro tutela.

La società che gestisce le dighe, la PacifiCorp, avrebbe dovuto spendere molti soldi per la tutela dei pesci e dell’ecosistema e dal momento che le dighe spesso funzionano quasi sempre a capacità ridotta, loro demolizione è risultata la scelta più conveniente. La diga più piccola dovrebbe essere abbattuta già nei prossimi mesi, mentre la conclusione delle operazioni per le altre infrastrutture più grandi è prevista entro il 2024.

dighe usa

©USGS

La diga più piccola, la Copco 2, potrebbe essere smantellata già quest’estate, mentre le altre restanti – una nel sud dell’Oregon e due in California – saranno prosciugate lentamente a partire dall’inizio del 2024 con l’obiettivo di riportare il fiume al suo stato naturale entro la fine di quell’anno.

I salmoni del Klamath tornano a casa, ha esultato un membro della tribù Yurok, mentre i proprietari delle case nei pressi del fiume e alcuni agricoltori contestavano la decisione, che probabilmente avrà un costo diretto sulle spese dei contribuenti.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: USGS

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook