Gli scienziati hanno scoperto oltre 5.000 nuovi virus nascosti negli oceani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I campioni di acqua oceanica forniscono un tesoro di dati sui virus a RNA, nuovo studio degli organismi in mare identifica 5.500 nuove specie, ampliando le possibilità di ricerca ecologica

Almeno 5.500 nuove specie di virus sono state trovate negli oceani di tutto il mondo in una nuova importante scoperta, che spinge i ricercatori a proporre più categorie per classificare correttamente la loro diversità.

I campioni di acqua oceanica raccolti in tutto il mondo hanno prodotto una miniera di nuovi dati sui virus a RNA, meglio conosciuti per le malattie come il raffreddore e la recente epidemia di COVID-19. Si ampliano così le possibilità di ricerca ecologica, rimodellando la nostra comprensione di come si sono evolute queste piccole ma significative particelle submicroscopiche.

Combinando le analisi di apprendimento automatico con gli alberi evolutivi tradizionali, un team internazionale di ricercatori ha identificato ben 5.500 nuove specie di virus a RNA.

“C’è così tanta nuova diversità qui – e un intero phylum, i Taraviricota , sono stati trovati in tutti gli oceani, il che suggerisce che sono ecologicamente importanti”, ha affermato l’autore principale Matthew Sullivan, professore di microbiologia presso la Ohio State University.

I virus a RNA sono chiaramente importanti nel nostro mondo, ma di solito ne studiamo solo una piccola fetta, le poche centinaia che danneggiano esseri umani, piante e animali.

@Science

“Volevamo studiarli sistematicamente su scala molto ampia ed esplorare un ambiente in cui nessuno aveva esaminato a fondo, siamo stati fortunati perché praticamente ogni specie era nuova”.

Lo studio è appena apparso sulla rivista Science.

Sapere di più sulla diversità e l’abbondanza dei virus negli oceani del mondo aiuterà a spiegare il ruolo dei microbi marini nell’adattamento degli oceani ai cambiamenti climatici.

Fonte: Science, Ohio State University

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook