Vi siete mai chiesti perché l’acqua viene quotata in borsa? Anche nell’allarme siccità in Italia c’è la risposta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L'acqua è passata dall'essere una risorsa di tutti all'essere un bene a vantaggio di pochi: colpa della siccità che sta colpendo il diverse regioni del Pianeta, fra cui anche l'Italia

L’acqua, risorsa essenziale per la sopravvivenza sul Pianeta, sta diventando sempre più rara e preziosa, appannaggio di pochi ricchi – mentre il mondo muore letteralmente di sete. Temperature roventi, piogge sempre più scarse, scioglimento dei ghiacciai si traducono nella scomparsa delle “scorte” idriche sul Pianeta e in Italia lo stiamo sperimentando in prima persona.

Non stupisce che qualcuno abbia pensato di quotare in borsa questo bene che dovrebbe essere di tutti. È stato il più potente fondo d’investimento speculativo al mondo, Black Rock, a trasformare una risorsa naturale essenziale in una merce dotata di un proprio valore economico – malgrado le proteste di attivisti di tutto il mondo.

Ma si può davvero parlare di emergenza idrica? Sembrerebbe di sì, e i dati sui fenomeni siccitosi che stanno investendo il nostro Paese da questo inverno sembrano confermarlo. Dopo un inverno dalle temperature anomale e quasi del tutto privo di pioggia, si apre una stagione estiva caratterizzata da caldo estremo che minaccia di lasciare tutti “a secco”.

I dati della siccità in Italia

Se in inverno a fare le maggiori spese della siccità era il corso d’acqua del Po e, in generale, le regioni settentrionali del Paese, con l’arrivo della bella stagione i fenomeni siccitosi si sono estesi fino a interessare, in maniera preoccupante, anche il Centro e il Sud.

Stando ai dati dell’Osservatorio ANBI sulle risorse idriche, l’area maggiormente colpita dalla siccità è quella attorno alla capitale Roma: da inizio anno ad oggi, secondo le informazioni raccolte dalla stazione di rilevamento Lanciani, sono caduti solo 137 mm di pioggia – sedici anni fa erano 357 mm, quasi il triplo.

(Leggi anche: Siamo “all’ultima goccia”: la gravissima siccità che sta mettendo a rischio le riserve idriche in Italia)

In realtà, tutto il Lazio è interessato da fenomeni siccitosi piuttosto intensi, con meno di un terzo delle precipitazioni rispetto alla media e con i corpi idrici praticamente a secco: il fiume Tevere registra un livello di un metro più basso rispetto ai livelli degli ultimi anni; il lago di Bracciano ha un livello di 25 centimetri inferiore; il fiume Aniene ha una portata addirittura dimezzata.

La situazione di scarsità di acqua, provocata dall’assenza di piogge, è aggravata dalla richiesta idrica proveniente dalle città e dalle attività antropiche: le portate dei fiumi e dei bacini sono incapaci di rispondere alle esigenze di acqua potabile per il consumo domestico e per l’irrigazione dei campi.

Anche la Toscana è attualmente alle prese con siccità e scarsezza d’acqua: si pensi che, in alcune aree delle province di Arezzo e Grosseto, le piogge del mese di maggio sono state praticamente inesistenti (inferiori a 10 mm). Nel resto della regione la situazione non è migliore: il fiume Arno registra una “magra” pari a 11,20 metri cubi al secondo, mentre l’Ombrone è ai minimi storici da vent’anni.

Nelle regioni del Mezzogiorno la situazione non è migliore: corsi d’acqua e bacini idrici di Campania, Basilicata e Puglia registrano un drastico calo nella portata in pochi giorni, con un gap negativo di milioni di metri cubi rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: ANBI

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook