Le cucine plastic free che durano una vita

Terremoto L’Aquila, un fascio di luce blu e 309 rintocchi per ricordare i 12 anni dalla tragedia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Trecentonove. Uno a uno i rintocchi delle campane stanotte hanno ricordato le vittime del terremoto de L’Aquila. Una furia che 12 anni fa colpì il capoluogo e molti altri piccoli paesi abruzzesi alle 3,32 della notte tra il 5 e il 6 aprile del 2009: 6,2 gradi di magnitudo (Mw), pari a 5,8 gradi della scala Richter. 

Per il secondo anno, la commemorazione avviene a distanza con candele sui davanzali e un fascio di luce proiettato nel cielo, mentre le 309 vittime sono state ricordate nella chiesa di Santa Maria del Suffragio durante una celebrazione liturgica.

Leggi anche: 11 anni fa L’Aquila tremava: a mezzanotte accendiamo una luce alla finestra in ricordo delle vittime di allora (e di oggi)

Nel 2009 fu la prima volta che un sisma devastò in pieno un capoluogo di regione e un intero centro storico, senza però risparmiare le aree vicine: alcuni paesi come Onna vennero praticamente rasi al suolo. Nei giorni successivi si conteranno più di 300 vittime e circa 1600 feriti, mentre gli sfollati furono circa 80mila.

Quel sisma terribile fu in realtà preceduto da 6 mesi di scosse di bassa intensità. Campanelli d’allarme? Certo, ma la “botta forte” – come la chiameranno gli aquiliani – è poi arrivata, in piena notte, e ha annientato tutto.

Finanche l’ospedale costruito 9 anni prima crollò (i pazienti vennero evacuati) e si scoprirà poi che mancava il certificato di agibilità e che il cemento era scadente. E diventa un simbolo il crollo della casa dello studente, che causa la morte di 8 ragazzi.

Terremoti sempre ce ne sono stati, purtroppo. In Italia, dall’anno mille fino a oggi si sono verificati 98 sismi di grado superiore al nono grado della scala Mercalli ogni 8 anni. Solo nel ‘900, dal terremoto di Messina-Reggio Calabria del 1908, che con 95mila morti fu la più grave catastrofe naturale in Europa a memoria d’uomo, passando per Avezzano, il Belice e il Friuli, l’Irpinia del 1980 e infine L’Aquila del 2009 e il Centro Italia del 2016, tutti sono connotati da terribili momenti e macerie infinite.

Ad oggi L’Aquila è ancora un cantiere aperto e solo circa la metà degli edifici sono stati ricostruiti. Ma 64 centri abitati sono ancora da riedificare, oltre 700 edifici vincolati dal ministero dei Beni Culturali e altri più di 200 nei comuni del cratere.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook