@Pexels via Pixabay

Come rinfrescare casa in estate senza usare l’aria condizionata

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’estate sta già facendo sentire il suo alito caldo. Anche se l’aria condizionata è uno dei rimedi più efficaci contro la calura, non è di certo il più economico né il più amico dell’ambiente. Esistono altre soluzioni capaci di rifrescare la nostra abitazione a costo zero
 
Le temperature nel nostro paese stanno bruscamente attualmente salendo ben al di sopra dei 30° a causa di un anomalo e rovente anticiclone africano. Ciò significa che abbiamo necessità di rinfrescare la nostra abitazione. L’aria condizionata non è la soluzione migliore dal punto di vista energetico. Usare il condizionatore infatti comporta un dispendio di energia elettrica e anche la produzione di emissioni inquinanti.

Ecco come fare per raffreddare il nostro appartamento senza spendere un centesimo e senza produrre un solo grammo di CO2.

1. Chiudiamo le finestre

Se vogliamo mantenere più fresca la nostra casa, la prima cosa da fare è tenere il caldo al di fuori della “porta”. Soprattutto nelle giornate di grande caldo, è bene far aerare la casa la mattina presto o a tarda sera quando fuori è più fresco. Aprire le finestre quando fuori non c’è un filo d’aria ed entra solo calore, contribuisce solo ad alzare la temperatura della nostra abitazione. La sera inoltre è utile aprire tutte le finestre in modo che l’aria possa circolare bene e rinfrescare tutta la casa.

Tuttavia, se più persone stanno nella stessa stanza è sempre consigliabile aprire per qualche minuto per fare aerare i locali.

2. Stanze al buio

Se da una parte l’estate è la stagione della luce, è anche vero che in alcuni casi, quando fa molto caldo, è meglio tenere fuori il sole. Per far ciò, occorre regalare ombra alle nostre stanza usando tende o meglio persiane e tende da sole. Per mantenere l’appartamento fresco in estate, è meglio le tende o le persiane chiuse durante il giorno e spalancarle la sera o durante le prime ore del mattino.

3. Appartamento fresco con panni bagnati

Asciugamani umidi o lenzuola bagnate raffreddano l’appartamento: basta immergere il tessuto desiderato in acqua fredda e strizzarlo in modo che non goccioli. Appendiamolo poi davanti alla finestra o al centro della stanza.

L’effetto di questo trucchetto si basa sul raffreddamento evaporativo: durante l’asciugatura, il calore viene rimosso dall’aria. Non solo l’asciugamano è “fresco”, ma anche l’aria della stanza lo è altrettanto. Ma attenzione: troppi asciugamani bagnati rischiano di rendere l’aria troppo umida che in alcuni casi può far percepire di più il calore quindi usiamo questa soluzione ma senza esagerare.

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook