Ora polare: tutti i piccoli gesti per aiutare il pianeta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ora solare, da domenica 25 ottobre l’ora legale le ha lasciato il posto. Ma c’è spazio anche per l’ora polare. Non abbiamo sbagliato. È il momento di fare qualcosa e di tenersi informati riguardo ai rischi che sta correndo il pianeta.

I cambiamenti climatici sono ormai una realtà ed è inutile nascondersi. Scatta così l’ora polare, un’iniziativa di informazione pensata per invitare la popolazione (italiana e mondiale) a riprendersi il clima, partendo dai semplici gesti quotidiani.

Pratiche per alcuni di noi ormai consolidate e a pieno titolo parte delle abitudini di tutti i giorni, ma per altri ancora lontane. Queste piccole azioni, che riguardano la nostra alimentazione, l’uso o la scelta di elettrodomestici ma anche i nostri spostamenti possono invece fare una grande differenza, permettendo di ridurre le emissioni di CO2.

Secondo i dati Enea 2013, il settore civile è quello più energivoro con il 38% dei consumi nazionali, seguito da quello dei trasporti (31% ). Per dare un’idea, una famiglia di 4 persone, che consuma al giorno circa 10 kWh elettrici, produce quasi 6 kg di CO2 in un solo giorno.

Cosa fare quindi per ridurre la propria impronta di carbonio? Ecco una serie di consigli forniti dal WWF – ma da GreenMe.it più volte illustrati – che dovremmo seguire, adottando l’ora polare, per essere più buoni con la Terra.

A casa

Lo sappiamo ma a volte continuiamo a farlo: lasciare accesa la luce quando non serve, oltre che inutile e dannoso per l’ambiente, è anche costoso. Stessa cosa vale per tutti gli apparecchi elettrici e gli standby.

Per approfondire: ELETTRODOMESTICO IN STAND BY, MA QUANTO CI COSTI?

Meglio fare le lavatrici e le lavastoviglie a pieno carico, magari regolando la temperatura: 10 gradi in meno equivalgono ad un risparmio energetico del 10%. Importante anche un utilizzo intelligente dei sistemi di riscaldamento e di raffrescamento. Non esagerare con i condizionatori e con i termosifoni regolando le temperature. Non gettare via gli oggetti che possono essere ancora riparati.

A tavola

Un argomento importante, che si richiama al consumo eccessivo di carne. Soprattutto gli allevamenti intensivi di bovini hanno gravi risvolti ambientali. È bene inoltre preferire prodotti locali e di stagione.

E una volta consumato il pasto, ridurre al minimo gli eventuali sprechi inventandosi il modo per riutilizzare quanto avanzato.

Per approfondire: SPRECHI ALIMENTARI: 10 CONSIGLI PER SALVARE UN TERZO DEL CIBO CHE GETTIAMO

In cucina

Piccoli gesti come mettere il coperchio e usare la pentola a pressione bastano già a ridurre i tempi di cottura e di conseguenza gas o elettricità necessari. È bene anche usare il fornello giusto evitando di usare i più grandi per le pentole più piccole.

Per approfondire: 10 MODI PER RISPARMIARE GAS ED ENERGIA MENTRE SI CUCINA

Muoversi

Bici e mezzi pubblici sono i migliori amici dell’ambiente. In alternativa condividere l’auto è utile a ridurre le emissioni.

Cambiare le proprie abitudini

Usare meno carta, differenziare i rifiuti e allontanarsi dalla filosofia dell’usa e getta.

Da domenica 25 ottobre sul sito del WWF saranno a disposizione pagine informative con eco-consigli ma anche quiz su Facebook e Twitter per capire se si è pronti al risparmio.

ora polareclima

L’hashtag #ilpandasiamonoi sottolineerà lo stretto legame tra cambiamenti climatici e gli effetti sull’uomo. Un’iniziativa per tenere tutti “svegli” in attesa della conferenza sul clima di Parigi (Cop21).

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

5 CONSIGLI PER SUPERARE I FASTIDI DELL’ORA SOLARE

TORNA L’ORA SOLARE. RISPARMIATI 91 MLN DI EURO. ORA LEGALE TUTTO L’ANNO?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook