Dal MIT il nuovo dispositivo che produce energia camminando

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un nuovo dispositivo ideato dal MIT potrebbe permettere di produrre energia camminando e a partire da piccoli movimenti.

Secondo i ricercatori del MIT, in questo modo, sfruttando l’energia prodotta da piccoli movimenti si potrebbero autoalimentare con un’energia praticamente illimitata dispositivi biomedici, di monitoraggio, meccanici o ambientali.

Gli esperti hanno sviluppato un metodo completamente nuovo, basato su principi elettrochimici, che potrebbero essere in grado di ricavare energia da una più ampia gamma di movimenti e attività naturali, tra cui la semplice camminata.

Il nuovo sistema è basato sulla leggera flessione di un ‘sandwich’ di lamiere e di polimeri ed è stato da poco decritto sulla rivista Nature Communications in un articolo del professor Ju Li realizzato in collaborazione con alcuni studenti del MIT.

In precedenza, dispositivi simili sono stati progettati per sfruttare piccoli movimenti basandosi sul’effetto triboelettrico dato dall’attrito o sull’effetto piezoelettrico. Questi effetti funzionano bene per le vibrazioni e i movimenti prodotti da macchinari, ma non per i movimenti tipici dell’uomo, come la camminata.

Ecco allora l’idea di sperimentare un nuovo sistema, più semplice e flessibile, che potesse adattarsi alla camminata e ad altri piccoli movimenti umani per la produzione di energia. Il nuovo sistema è elettrochimico, come una batteria ma, a differenza di quest’ultima, è in grado di sfruttare l’energia meccanica per trasformarla in energia elettrica.

Il dispositivo necessita di semplici e piccoli movimenti per funzionare, quindi secondo i ricercatori potrebbe essere applicato, ad esempio, a un braccio o a una gamba durante lo svolgimento delle normali attività quotidiane.

In questo primo progetto sperimentale gli esperti sperano di raggiungere un efficienza del 15%, ma nello stesso tempo ritengono che puntare al 100% rappresenti un obiettivo realizzabile.

Si tratterebbe dunque di un dispositivo indossabile, piccolo e leggero, che potrebbe essere utile soprattutto per applicazioni biomediche oppure per l’integrazione in strutture molto più grandi, come strade e ponti, sempre con l’obiettivo di facilitare la produzione di energia e di ridurne i costi.

Marta Albè

Fonte foto: MIT

Leggi anche:

COME RICARICARE LO SMARTPHONE CAMMINANDO CON AMPY

COME RICARICARE LO SMARTPHONE CAMMINANDO. IL DISPOSITIVO DI UN QUINDICENNE FILIPPINO

RICARICARE CELLULARI E PC IN STAZIONE O IN AEROPORTO…PEDALANDO!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook