Il principe Carlo vuole i pannelli solari sul tetto di Clarence House

Clarence_house

Installare i pannelli solari sul tetto di Clarence House in modo da dare il buon esempio e incoraggiare così i suoi sudditi a fare altrettanto. Il principe Carlo continua il suo impegno in favore dell’ambiente attuando in prima persona comportamenti e stili di vita sempre più sostenibili.

E così l’installazione di un impianto fotovoltaico nella casa di Londra di cui è stata chiesta esplicita autorizzazione al Westminster’s Council che ne dicuscuterà ad Agosto, se approvata, sarà solo l’ultimo di una serie di investimenti in tecnologie verdi intrapresi dalla famiglia reale.

Nella residenza del principe di Galles, infatti, già si utilizzano stufe a pellet e pompe di calore che sfruttano l’energia geotermica. Secondo la revisione annuale pubblicata il mese scorso, circa il 22% del fabbisogno energetico della sua famiglia proviene da fonti rinnovabili.

Nei documenti presentatati al Consiglio a sostegno della domanda da parte degli architetti della ditta BLB che curano le proprietà della famiglia reale inglese, si evidenzia come il progetto potrebbe incoraggiare gli altri all’adozione dei pannelli solari fotovoltaici per produrre energia riducendo così l’uso di combustibili fossili, le 2“>emissioni di CO2 e contribuendo attivamente allo sviluppo di tali tacnologie verdi.

Se approvato, il progetto porterà sulle tegole del palazzo londinese del 19° secolo che fu un tempo dimora della Regina Madre, 32 moduli fotovoltaici che verrebbero montati a sud est e che saranno in grado di generare 4.000 kilowattora di energia elettrica ogni anno – circa il consumo di corrente stimato in media per una casa londinese.

Il costo dell’intera operazione, che non è però stato reso noto, stando ad una portavoce di Clarence House, sarebbe interamente a carico del Principe Carlo.

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Germinal Bio

10 idee da mettere dentro il cestino da picnic e accontentare tutti

corsi pagamento

seguici su facebook