I frigoriferi saranno green e con refrigerazione magnetica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il frigorifero del futuro sarà green, magnetico e più piccolo: una nuova tecnologia basata sulla refrigerazione magnetica sostituirà i gas refrigeranti con materiali solidi dalle proprietà magnetiche.

Di refrigerazione magnetica, in realtà, si parlava già da anni, ma solo recentemente ne sono usciti dei prototipi. I nuovi frigoriferi magnetici saranno esposti infatti a Torino, alla conferenza internazionale sulla refrigerazione magnetica a temperatura ambiente organizzata dall’Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica (Inram) in programma dal 12 al 14 settembre.

LEGGI anche: MITTI COOL: IL FRIGORIFERO LOW COST CHE CONSERVA GLI ALIMENTI SENZA ELETTRICITA’

Oramai quasi tutti sanno che il punto debole dei classici frigoriferi è il fluido refrigerante: alcuni, come l’ammoniaca o l’anidride solforosa, sono molto tossici, altri sono infiammabili, come il butano. Ci sono poi più moderne soluzioni come i clorofluorocarburi, o CFC, che non pericolosi per l’uomo, ma dannosi per lo strato di ozono.

LEGGI anche: BUCO DELL’OZONO: SCOPERTI 4 NUOVI GAS RESPONSABILI

Idem si può dire per alcune varianti dei CFC, le cosiddetto HFC, che però si sono rivelati potentissimi gas serra, 10-30mila volte più della anidride carbonica. E anche i consumi elettrici di un frigorifero non sono bassi: un modello in classe A+ consuma circa 1 kWh l’anno per ogni litro di volume raffreddato.

LEGGI anche: FRIGORIFERO SOCIALE, UN’IDEA SOLIDALE CHE SI ESPANDE IN TUTTO IL MONDO

Come funziona la refrigerazione magnetica

I sistemi di refrigerazione magnetica si basano sulle proprietà di materiali (solidi anziché fluidi) che aumentano o diminuiscono la loro temperatura per effetto dell’applicazione e rimozione di un campo magnetico, chiamati “magnetocalorici”. Se questi materiali vengono esposti a un campo magnetico, si magnetizzano; se ne sono sottratti, invece, assorbono calore per tornare allo stato smagnetizzato, raffreddando l’ambiente circostante (effetto magnetocalorico: un oggetto si riscalda se esposto a un campo magnetico, si raffredda quando l’esposizione termina).

In questo modo, non si disperdono nell’ambiente dei fluidi refrigeranti, mentre i materiali utilizzati possono essere riciclati. Infine, rispetto ai frigoriferi tradizionali, “i prototipi già realizzati sono più efficienti dal punto di vista energetico, più silenziosi e possono avere dimensioni anche ridotte”, spiega Elena Olivetti dell’Inrim.

Il frigorifero del futuro allora? Non inquina e ha dei materiali riciclabili. Un altro ottimo modo per essere green anche in cucina, ma rimane solo da capire quanto costerà.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook