Ecobonus e Bonus Casa: si possono ancora inviare le richieste di detrazioni. Ecco cosa si può detrarre e come

L’Ecobonus e il Bonus Casa sono prorogati per tutte le spese sostenute nel 2019. Efficienza energetica degli edifici e ristrutturazioni di abitazioni sono ancora detraibili, dunque, in relazione alle spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2019.

Le aliquote di detrazione sono diverse in base al tipo di intervento, variando dal 50 all’80%, e valgono sia per spese di abitazioni singole che di condomini. Tuttavia siamo ancora in attesa della pubblicazione di uno o più decreti da parte del Ministero dello Sviluppo Economico di concerto con altri Ministeri che devono precisare gli aspetti tecnici, procedurali e di controllo.

L’efficienza energetica è l’ambito di tutte le detrazioni, che riguardano dunque interventi volti a realizzarla o incrementarla, e questo vale sia per il singoli proprietari che per i condomini che decidono di fare interventi strutturali complessivi.

Ma cosa si può detrarre? E come?

Cosa si può detrarre

Al 50% gli interventi relativi alla sostituzione di finestre comprensive di infissi, schermature solari, caldaie a biomassa e caldaie a condensazione, purché abbiano un’efficienza media stagionale per essere considerate in classe A di prodotto, ma, se oltre ad essere in classe A sono dotate di sistemi di termoregolazione evoluti sono detraibili al 65%.

Al 65% invece interventi di coibentazione dell’involucro opaco, pompe di calore, sistemi di building automation, collettori solari per produzione di acqua calda,  scaldacqua a pompa di calore, generatori ibridi (costituiti da una pompa di calore integrata con caldaia a condensazione), generatori d’aria a condensazione, ma anche i micro-cogeneratori, anche se con una detrazione massima consentita di 100.000 euro.

Gli interventi di tipo condominiale invece restano detraibili con aliquote variabili dal 70 al 75%, ma se con riduzioni di classe per rischio sismico anche di 80% (una classe) e 85% (due o più classi), su edifici appartenenti alle zone sismiche 1, 2 o 3 (in base alla classificazione ufficiale la classe 1 è la più pericolosa, dove il rischio di forti terremoti è alto, e la probabilità di disastri diminuisce aumentando il numero della classe fino a un massimo di 4, dove questa è molto bassa).

ecobonus bonus casa 2019

Foto: ENEA

Come effettuare le detrazioni

La dichiarazioni di spesa da detrarre nella dichiarazione dei redditi dovranno riguardare spese sostenute dal

1° gennaio al 31 dicembre 2019 e provare da documentazione ufficiale. Come negli anni passati è attivo il servizio di invio telematico all’ENEA della documentazione necessaria.

Per accedere è necessario registrarsi al sito, accedere al sistema, inserire i dati anagrafici, quindi quelli immobile oggetto dell’intervento, poi scegliere il comma da applicare. Solo a questo punto si potranno compilare gli allegati, verificare i dati e inviare la dichiarazione che poi andrà stampata.

Leggi anche:

TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Izanz

Quanti e quali tipi di zanzare esistono in Italia?

Coop

Da Coop audiolibri, abbonamenti a giornali, ebook e video offerti per trascorrere meglio il lockdown chiusi in casa

Coop

L’impegno di Coop nell’emergenza coronavirus

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook