Camini a etanolo e stufe a olio: emettono formaldeide e troppo inquinanti secondo un nuovo test

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un nuovo test della rivista francese 60 millions de consommateurs ha messo a confronto diverse stufe (o radiatori) ad olio scoprendo che queste sono generalmente responsabili di troppe emissioni di CO2 e sostanze tossiche. Anche peggio sono risultate le emissioni dei camini ad etanolo.

Le stufe ad olio rivendicano due qualità principali: riscaldano velocemente e sono facilmente installabili, dato che non hanno un sistema di svuotamento del gas verso l’esterno.

Stufe generalmente molto efficienti, dunque, ma quanto inquinano? Per rispondere a questa domanda,  la rivista dei consumatori francesi ne ha testate otto (sei convettori elettrici e due riscaldatori a stoppino).

Vediamo cosa è emerso.

I risultati del test

Gli esperti della rivista hanno misurato i gas di combustione, le sostanze volatili potenzialmente pericolose, i composti organici volatili totali (TVOC) e le particelle fini.

Per quanto riguarda il monossido di carbonio i risultati sono stati soddisfacenti. Come si legge:

“le stufe testate generano poco monossido di carbonio (CO) o ossidi di azoto (NOx)”.

Ma le buone notizie finiscono qui. Le emissioni di CO2, infatti, sono risultate troppo elevate in tutti i dispositivi, con una concentrazione di circa 5.000 parti per milione (ppm) e, sottolinea la rivista, ben al di sopra dei valori limite regolamentari, che variano tra 1000 e 1500 ppm!

“Questo da solo giustifica evitare l’uso di questo tipo di dispositivo nelle case” concludono gli esperti  di 60 millions de consommateurs.

Vi è poi il problema formaldeide, in particolare nelle due stufe a stoppino.  La formaldeide, lo ricordiamo, è una sostanza classificata come cancerogena e il test ne ha trovati livelli di 44 e 55 μg / m 3 , superiori al limite di 30 μg / m 3 raccomandato dalla Agence de sécurité sanitaire (Anses).

Il test mostra anche preoccupanti emissioni di composti organici volatili totali (TVOC).

Di fronte a questi risultati, l’Istituto Nazionale dei Consumi (INC, editore di 60 Millions ) raccomanda di “evitare l’uso di questi riscaldatori ausiliari” e chiede una modifica della normativa “visti i rischi significativi per il salute degli utenti “.

Camini all’etanolo

Il test comparativo ha analizzato anche due camini a etanolo, considerati a parte dato che non si tratta di riscaldamento. Sono infatti prodotti venduti più che altro per la loro estetica, che dovrebbe fornire lo stesso piacere di una stanza dove è presente un caminetto tradizionale.

Tuttavia, sono simili alle stufe perché utilizzano un combustibile liquido, appunto l’etanolo, e non sono collegati a un sistema di smaltimento del gas. Sono anche potenti e capaci, anche se non è la loro vocazione, di riscaldare gli ambienti.

Ma, si legge sulla rivista:

dal punto di vista della qualità dell’aria, i camini a etanolo sono un disastro

Il problema è soprattutto la formaldeide: i modelli testati hanno infatti raggiunto 140 e 192 μg / m 3  superando così il limite di 100 μg / m 3.

Anche le emissioni di benzene, un altro gas classificato come cancerogeno per l’uomo, erano troppo eccessive.

In questo caso poi, i camini testati superavano anche i limiti per il monossido di carbonio. Andavano infatti oltre 11 ppm, mentre il valore limite per la tutela della salute umana è di 8 ppm.

Fonte: 60 millions de consommateurs

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

Speciale Fukushima 10 anni

11 marzo 2011. 10 anni fa il terribile disastro di Fukushima, una lezione che non deve essere dimenticata

Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook