Caldaia: controllo annuale non obbligatorio. La corretta manutenzione

manutenzione caldaia

Il controllo annuale della caldaia non è obbligatorio, lo sapevate? Attenzione dunque a quelle aziende che distribuiscono volantini dove sostengono che lo sia per convincerci a contattare un tecnico anche quando non serve.

La manutenzione della caldaia rimane comunque molto importante ma non è detto che debba essere annuale. Ovviamente se temete che la vostra caldaia abbia dei problemi dovrete contattare un esperto e non avventurarvi a cercare di ripararla da soli.

È bene sapere però che la frequenza di manutenzione dipende dal modello di caldaia che avete a disposizione ed è riportata sul libretto di istruzioni. Non esiste in Italia una legge che indichi il controllo annuale della caldaia come obbligatorio.

Manutenzione della caldaia

A luglio 2013 è entrata in vigore la normativa più recente sui controlli per le caldaie che sostiene che la periodicità dei controlli e della manutenzione della caldaia non è annuale ma deve essere effettuata conformemente alle prescrizioni e con la periodicità indicate nelle istruzioni tecniche per l’uso e la manutenzione rese disponibili dall’impresa installatrice dell’impianto ai sensi della normativa vigente.

Inoltre secondo la legge, con riferimento all’art. 7 del DPR 74/2013:

“Qualora l’impresa installatrice non abbia fornito proprie istruzioni specifiche o queste non siano più disponibili, le operazioni di controllo ed eventuale manutenzione degli apparecchi e dei dispositivi facenti parte dell’impianto termino devono essere eseguite conformemente alle prescrizioni e con la periodicità contenute nelle istruzioni tecniche relative allo specifico modello elaborate dal fabbricante ai sensi della normativa vigente”.

È dunque sempre in vigore l’obbligo di affidare la manutenzione della caldaia a ditte abilitate ma la periodicità dei controlli varia a seconda di quanto stabilito dalle istruzioni tecniche relative alla caldaia stessa.

E se le istruzioni della caldaia non sono disponibili, dopo un primo controllo da parte del manutentore sarà lo stesso esperto a segnalare la periodicità necessaria per le manutenzioni successive.

Leggi anche: CALDAIA: 5 CONSIGLI PER LA MANUTENZIONE

manutenzione caldia

Controllo dei fumi

Il controllo dei fumi va effettuato ogni 2 anni se l’impianto è alimentato a combustibile liquido o solido e ogni 4 anni se è alimentato a Gpl per quanto riguarda tutte le comuni caldaie domestiche e condominiali fino a 100 kW.

Leggi anche: RISCALDAMENTO: 5 CONSIGLI PER RISPARMIARE SOLDI E ENERGIA

Quando fare la manutenzione della caldaia

Non sapete quando fare la manutenzione della caldaia? Consultate il libretto tecnico della vostra caldaia e se non sono presenti indicazioni precise sulla frequenza della manutenzione vi consigliamo di contattare un tecnico prima dell’arrivo dell’inverno e della riaccensione dei riscaldamenti. Sarà il tecnico a decidere la periodicità dei controlli futuri a seconda dello stato della vostra caldaia. Tenete sempre presente che il controllo annuale della caldaia non è obbligatorio per legge e che tenere sotto controllo questo strumento è comunque importante: gli interventi devono basarsi sul buon senso dei cittadini e dei tecnici.

Leggi qui tutte le info sulla manutenzione della caldaia dal sito del Ministero dello Sviluppo Economico.

Marta Albè

Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Coop

Le bottigliette d’acqua riciclate del Jova Beach Party diventano t-shirt sportive

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Florena Fermented Skincare

Cosmetici naturali fermentati: cosa sono e perché sono così efficaci per la cura del viso

Hello Fish!

Preservare i nostri mari un passo alla volta, a partire dalla stagionalità del pesce

Seguici su Instagram
seguici su Facebook